Padova, scuote il figlio di 5 mesi perché non dorme: i medici valutano la morte cerebrale

Martedì 24 Dicembre 2019
Bimbo di 5 mesi non si addormenta, la mamma lo scuote troppo forte. I medici valutano la morte cerebrale

Sono disperate le condizioni del bimbo di 5 mesi che da sabato si trova in ospedale in coma a Padova. Il piccolo è nel reparto di terapia intensiva di Pediatria, dopo che la mamma lo ha violentemente scosso perché non si addormentava. I medici hanno richiesto l'intervento della commissione per la morte cerebrale.

«Vendo neonato, la sorella di 4 anni è gratis», l'offerta choc su un sito di annunci online

«Posso vedere meglio suo figlio?»: donna aggredisce bimbo di 5 mesi in carrozzina

I fatti sono accaduti nella casa che la giovane famiglia condivide a Mestrino, alle porte di Padova. La donna, 29 anni, è indagata per lesioni gravissime aggravate. È stata lei stessa a confessare ai carabinieri e al magistrato Roberto Piccione, di aver «cullato troppo forte» il piccolo, che non ne voleva saperne di dormire.

La mamma, di origini vicentine, ha chiamato il 118 dopo aver visto che il piccolo non respirava più. Se i fatti venissero confermati dalla visita di due esperti delegati dalla Procura, che effettueranno un accertamento venerdì, il caso rientrerebbe nel «Baby shake syndrome», la sindrome del bambino scosso che nei piccoli provoca gravissimi danni cerebrali e neurologici.

«Forse l'ho cullato troppo forte», ha raccontato ai carabinieri la giovane madre, dopo la corsa disperata al pronto soccorso del padre con il suo piccolo di soli 5 mesi. La donna ha spiegato agli inquirenti che il neonato avrebbe pianto disperatamente tutta la notte, perché dolorante per via di un dentino. E per questo, poco prima delle 6 di sabato mattina, forse stremata dalla situazione, gli avrebbe dato uno scossone troppo forte.

Ultimo aggiornamento: 19:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma