Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Maltempo, scuole chiuse dopo le bufere: ecco dove

Maltempo, scuole chiuse dopo le bufere: ecco dove
4 Minuti di Lettura
Domenica 24 Febbraio 2019, 17:16 - Ultimo aggiornamento: 21:37

Chiuse domani le scuole e i parchi di Napoli, dopo lo stop di venerdì dovuto al maltempo: lo ha deciso il comitato operativo, presieduto dal sindaco Luigi de Magistris, riunito in permanenza da circa 48 ore per affrontare l'emergenza maltempo. Le condizioni meteo sono migliorate ma la chiusura di lunedì servirà per le verifiche di sicurezza su alberi ed edifici.

ROMA E LAZIO
Scuole sorvegliate speciali dopo le forti raffiche di vento che ieri hanno investito tutto il Lazio. Il Campidoglio rassicura sulla riapertura regolare degli istituti a Roma spiegando di aver già avviato un «capillare monitoraggio delle aree verdi dei plessi scolastici di competenza». Ma i presidi, per voce dell'associazione regionale di categoria Anp, avvertono: «Serve verificare se sussistano situazioni di rischio per gli studenti, a causa di eventuali alberi caduti o materiale edilizio precipitato. Di fronte a situazioni di grave emergenza le istituzioni competenti dovranno provvedere ad una tempestiva chiusura».

Il Comune guidato da Virginia Raggi, di contro, fa sapere che «sono in corso in queste ore degli interventi per risolvere alcune criticità su pochissimi casi e per domani è prevista la regolare riapertura» delle scuole. Intanto, il Colosseo e il Foro Romano sono tornati aperti questa mattina dopo la chiusura anticipata disposta ieri pomeriggio a causa del forte vento. È rimasto chiuso invece il Palatino. Off limits per tutta la giornata anche anche i parchi, le ville storiche (con i musei al loro interno) e i cimiteri romani per un'ordinanza firmata ieri dalla sindaca. E nella notte sono stati circa 200 gli interventi delle pattuglie della polizia locale per eventi connessi al forte vento, che sommati a quelli della giornata di ieri arrivano ad oltre 500. Si va dalla messa in sicurezza delle aree critiche - per rami, alberi caduti o pericolanti, tegole, calcinacci e cornicioni crollati - fino alle verifiche su pali e semafori pericolanti e sui danni ai veicoli.

Anche per questo rimane aperto il centro operativo comunale (Coc) di Roma, con il direttore della Protezione Civile locale, Diego Porta, che non intende chiuderlo fino a quando non sarà stata garantita in via prioritaria l'agibilità delle scuole in vista della riapertura di domani. Parallelamente si sta lavorando alla rimozione dei tronchi o rami caduti nelle strade per garantire la sicurezza stradale. Intanto il presidente dell'Associazione Presidi Anp del Lazio, Mario Rusconi si premura di mandare una lettera ai dirigenti scolastici del territorio in cui allerta: 'domani segnalate subito eventuali criticità'.

«Al fine di garantire l'incolumità di tutto il personale della scuola e degli studenti, oltre che il regolare svolgimento delle attività didattiche e lavorative senza correre rischi - riporta la missiva -, ti invitiamo domani mattina (25 febbraio) alla riapertura della scuola da te diretta ad eseguire con i tuoi collaboratori una tempestiva, sia pur generica, ricognizione sullo stato delle piante, degli alberi presenti nei giardini e nei cortili, oltre ad eventuali danni a carico degli edifici scolastici. Particolare attenzione, inoltre, va posta per quelle scuole in cui ci sono lavori edili con impalcature e ponteggi. Qualsiasi anomalia da te riscontrata andrà subito segnalata agli uffici tecnici competenti di: municipi, comuni e città metropolitana, per garantire un loro opportuno controllo tecnico e eventuali interventi appropriati e risolutivi».


POZZUOLI
Il sindaco, Vincenzo Figliolia, ha firmato un'ordinanza con la quale ha disposto per la giornata di domani, lunedì 25 febbraio, la chiusura di tutte le scuole cittadine pubbliche e private, di ogni ordine e grado, compresi gli asili nido. La decisione è maturata in seguito agli eventi meteorologici straordinari di sabato scorso. La chiusura si rende necessaria per eseguire dei controlli sullo stato dei luoghi negli spazi di pertinenza ed attigui alle scuole e rimuovere possibili pericoli, limitando la circolazione e rendendo così le operazioni più semplici. I responsabili degli uffici manutenzione e tecnico del comune, anche oggi, domenica, sono ininterrottamente al lavoro per riportare la normalità e ripristinare la sicurezza. Attività di verifica e controllo svolta con l'ausilio dei vigili del fuoco, della polizia municipale e di tutte le forze dell'ordine intervenute in queste ore, nonché del comitato di protezione civile comunale.


SIRACUSA
A causa del forte vento le scuole di ogni ordine e grado a Siracusa domani rimarranno chiuse, in via precauzionale, per consentire un controllo di sicurezza degli spazi scolastici da parte dei tecnici comunali. Intanto il sindaco Francesco Italia ha attivato il «Centro Operativo Comunale» per far monitorare e gestire l'emergenza meteo in corso sulla città di Siracusa. I tecnici comunali e le forze di protezione civile sono operativi da stanotte su tutto il territorio comunale, dove è in corso lo sgombero delle carreggiate ostruite da alberi caduti e detriti trascinati dal maltempo. Le intense raffiche di vento delle ultime ore hanno danneggiato anche i pannelli della pensilina dello stadio, pertanto per motivi di sicurezza la partita in calendario oggi è stata rinviata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA