MALTEMPO

Maltempo in tutta Italia: arriva il gelo al Nord. Allerta arancione e gialla al Centro Sud

Mercoledì 2 Dicembre 2020
Maltempo in tutta Italia: arriva il gelo al Nord. Allerta arancione e gialla al Centro Sud

Arrivano maltempo e gelo in Italia: già dalla scorsa notte il Comune di Bologna era intervenuto con gli spargisale, poi seguiti dagli spazzaneve. Il comune ha fatto sapere che la situazione metereologica è in netto peggioramento, con precipitazioni anche nevose e rischio ghiacchio a partire da domani 3 dicembre. Il Piano Neve, che si attiva in base alle condizioni meteo, quest'anno è stato dotato anche turbine speciali, utili per far fronte a nevicate particolarmente consistenti.

Nel frattempo si sono verificate delle nevicate nella notte e nella prima mattinata anche nel resto dell'Emilia, da Modena a Bologna. Sull'Appennino sono caduti circa 30 centimetri di neve, e i comuni hanno messo a disposizione un gran numero di mezzi come spartineve e spargisale. L'attività è proseguita fino alle prime ore del mattino, per evitare dei possibili congestionamenti stradali. In pianura invece, dove durante la notte è caduto il nevischio, finora sono usciti soltanto i mezzi spargisale per evitare la formazione del ghiaccio.

Anche a Parma è caduta la prima neve, che ha costretto il comune ad intervenire con mezzi e personale sin dalle 3 di notte: gli spazzaneve e gli spargisale si sono occupati di rimuovere gli accumuli nevosi anche dagli ingressi degli edifici. Sull'Appennino bolognese, intanto, si sono attivati anche gli agricoltori di Coldiretti per sgombrare le strade dalla neve e per spargere il sale. Neve anche nel Reggiano, dove si sono verificati dei problemi solo per un furgone che si è ribaltato tra Castellarano e Roteglia e per due autotrasportatori, sprovvisti di pneumatici da neve e rimasti quasi bloccati.

Anche più a Nord, a Vicenza, stamattina si sono attivati i primi tre mezzi per lo spargimento del sale lungo le principali arterie stradali e i punti critici, come la salita di Monte Berico, i cavalcavia e i sottopassi. Successivamente, in concomitanza con la formazione dei primi accumuli di neve al suolo, sono stati attivati altri cinque mezzi, tra spargisale e spazzaneve. In mattinata si è proceduto - poi - con rifiniture per la messa in sicurezza dei passaggi pedonali all'interno dei parcheggi. Per quanto riguarda la viabilità la polizia municipale non ha registrato gravi criticità.

La situazione, comunque, non sembra in via di miglioramento: è arrivata infatti una bassa pressione dal Nord Europa, che ha raggiunto il Mediterraneo e ha colpito le regioni settentrionali e centrali, con fenomeni anche a carattere temporalesco. Lo ha comunicato il dipartimento della Protezione Civile, specificando che da domani i rovesci si riverseranno anche sulle regioni meridionali. La Protezione Civile nel frattempo coopera con le regioni interessate. Quanto alle possibili criticità dei fenomeni meteo, queste sono elencate nel bollettino nazionale di criticità consultabile sul sito www.protezionecivile.gov.it.

L'avviso prevede che da domani giovedì 3 dicembre, si verificheranno rovesci sulla Campaniasi, per poi  estendersi su Basilicata, Calabria, Puglia e Sicilia. I fenomeni saranno intensi con possibili grandinate, fulmini e forti raffiche di vento. Sempre per domani, è prevista un'allerta arancione sulla Sicilia nord-orientale e - ancora - sulla Campania. Si ipotizza inoltre l'allerta gialla su alcune aree di Umbria, su Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e sui restanti settori di Campania e Sicilia.

Queste le previsioni per venerdì 4 dicembre: al Nord ancora maltempo con pioggia e neve  anche a bassa quota. Peggioramenti anche al Centro: sulle regioni tirreniche e in Toscana soprattutto. Lievi miglioramenti nelle regioni meridionali, dove si verificheranno Al Sud nubi alternate a possibili schiarite. Piogge locali sul Tirreno e Isole Ioniche.

Sabato 5 novembre ancora maltempo a Nord con neve fino a 1 m. Asciutto su Alpi occidentali e Romagna. Al Centro ancora instabile: sulle Tirreno possibili fenomeni; possibili rovesci nevosi al di sopra dei 1000/1400 metri. Massime fino ai 16 gradi. Al Sud solo qualche fenomeno sulle Isole Ioniche, ma con possibili peggioramenti in serata. Temperature massime tra i 15 e i 20 gradi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA