CORONAVIRUS

Luca Zaia: «Veneto riapre tutto lunedì. Regola del metro per spiagge e ristoranti, linee guida Inail inapplicabili»

Giovedì 14 Maggio 2020
Zaia: «Regola del metro per spiagge e ristoranti, il Veneto riapre tutto da lunedì. Linee guida Inail inapplicabili»

Luca ​Zaia: per il governatore del Veneto vale una sola regola, il metro. Il Veneto lunedì 18 maggio vuole riaprire tutte le attività economiche, anche le spiagge, scrive Il Gazzettino, mantenendo per la sicurezza sì il distanziamemto sociale, ma applicando una misura molto inferiore a quella indicata dall'Inail, ritenuta inapplicabile. Il metro, appunto, o al massimo due. «Il Veneto riapre tutto da lunedì. Le linee guida Inail per bar e ristoranti sono inapplicabili e con ordinanza apriamo i centi estivi per i bambini». Il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ha diffuso il bollettino di oggi relativo alla pandemia da Covid19«Sono arrivati a 474.912 i tamponi effettuati in Veneto dall'inizio della pandemia, 11.219 in più rispetto a ieri, con un aumento di 32 nei soggetti positivi. Fondamentalmente - ha aggiunto Zaia - su 11 mila tamponi 32 risultano positivi. Resta fatto che il virus è presente nel territorio, ovviamente finché troviamo positivi».

Fase 2, ristoranti e negozi, plexiglass e distanze: «Così tremila locali non aprono»

Vacanze: Croazia, Grecia e il nuovo asse compagnie low cost. Come e dove si potrà viaggiare
 

 
 

Zaia: «Ordinanza Veneto per aprire i centi estivi 0-14». «Inseriremo nell'ordinanza regionale la riapertura di tutti i centri per 0-14, dalla fattoria didattica all'asilo ai centri estivi ai Grest». Lo ha annunciato il presidente del Veneto Luca Zaia. «Nel provvedimento del governo - ha spiegato ai giornalisti - c'è il finanziamento ai centri estivi. In attesa che ci autorizzino, se li finanziano, è altrettanto vero che ci debbano andare bambini, quindi infiliamo dentro i centri estivi e diamo la stura per partire con queste iniziative», ha concluso.

Regola del metro. «Le linee guida Inail sono inapplicabili». «Abbiamo il massimo rispetto del lavoro fatto dall'Inail, ma le loro guida sono inapplicabili: così non si apre, un esempio per tutti, le spiagge e i ristoranti. Certo, Sono prudenziali ma non funzionano». Lo ha ribadito oggi il presidente del Veneto, Luca Zaia nel corso del punto stampa. «E poi, se dovessimo guardare ai parametri dell'Iss, il Veneto può affrontare qualsiasi apertura», ha tenuto a sottolineare Zaia che ha quindi ricordato che «il Veneto chiede di aprire molte attività: il settore del commercio, bar. ristoranti, parrucchieri, barbieri e centri per l'estetica, centri sportivi, palestre e piscine. Abbiamo già concordato le nostre linee guida con gli operatori». «Chiediamo che nel Dpcm ci sia la delega alle Regioni di applicare linee guida alternative a quelle dell'Inail. Perché se così con fosse, nessuno può derogare e non si può aprire. Deve essere il Dpcm che ce lo permette», ha detto Luca Zaia.

Zaia: «Per ristoranti sufficiente un paio di metri». «Stiamo discutendo sul posizionamento dei tavoli. Spero che tutta questa partita si possa risolvere domani, al massimo alla volta di sabato». Lo ha affermato il presidente del Veneto Luca Zaia. «Bisognerà - ha aggiunto - che ci siano gel per le mani, un flacone per tavolo, che ci sia la misurazione della temperatura. Poi ci sarà anche il distanziamento, valuteremo. Ma prima serve l'autorizzazione ad applicare linee regionali».
 

 
 
 
 
 

Ultimo aggiornamento: 20:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani