CORONAVIRUS

Migranti e coronavirus, Luca Zaia: «Centri di accoglienza sono a rischio dal punto di vista sanitario»

Giovedì 6 Agosto 2020
Luca Zaia

«Strutture come i centri di accoglienza di Jesolo e dell'ex caserma Serena di Casier non soltanto sono fuori dalla storia e dalla realtà, ma lo sono ancora di più da un punto di vista sanitario perché aggregazioni del genere non sono in linea con le norme anti Covid». Lo dichiara su Facebook il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia.

«Delle 300 case di riposo in Veneto, il 75% non ha neanche visto il virus, l'altro 25% ha avuto pochi casi. - sottolinea - Com'è possibile che siamo riusciti a gestire l'emergenza nelle case di riposo dove i pazienti sono molto più vulnerabili, mentre focolai sono esplosi all'interno di questi centri di accoglienza che ospitano gente sana e giovane?» «Qui non si tratta di razzismo, genere, etnia, religione... Queste aggregazioni non danno garanzia dal punto di vista sanitario», conclude Zaia. 
 

Teramo, altri 10 migranti positivi al centro di Civitella del Tronto
Donna albanese positiva dopo un viaggio, il paese si chiude in casa
L'Aquila, migranti positivi in una palazzina di Pettino: controlli della Polizia dopo denuncia Lega
Migranti, 7 positivi a Caltanissetta tra i 300 da Porto Empedocle: il sindaco scrive alla Procura

Ultimo aggiornamento: 19:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA