Long Covid, le folli cure anti-scienza: dalle patatine hula hoop allo yoga. Allarme in Gran Bretagna

Il ricorso a pratiche stravaganti secondo uno studio inglese ha colpito circa uno su 20 malati nel Regno Unito

Dalle patatine allo yoga: le folli cure antiscientifiche contro il long-Covid che spaventano il Regno Unito
3 Minuti di Lettura
Domenica 24 Ottobre 2021, 15:37 - Ultimo aggiornamento: 17:05

Sono queste le nuove cure folli commercializzate online per curare il lungo Covid: mangiare hula hoops (si tratta prodotti simili alle patatine in busta) e praticare lo yoga. Tutto ciò sta suscitando timori da parte dei vertici del sistema sanitario inglese. Poiché il ricorso a pratiche stravaganti, che niente hanno a che vedere con la medicina e la scienza, secondo uno studio inglese ha colpito circa uno su 20 malati di Covid nel Regno Unito. Si dice anche che gli erboristi gestiscano «cliniche a lungo termine Covid» che promettono di «ridurre la profondità e la durata dei sintomi», riporta il Times.

Covid, Gran Bretagna, Johnson vacilla davanti al boom di contagi e morti: verso l'obbligo del pass

Il professor Stephen Powis, direttore medico del NHS England, ha dichiarato: «La continua diffusione di disinformazione sulle cure o soluzioni rapide per il lungo Covid sta mettendo le persone a rischio di trattamenti inefficaci e persino dannosi». «Spendere migliaia di sterline per un viaggio in un resort nelle Alpi avrà scarso effetto su qualsiasi altra cosa se non sul conto in banca, e seguire diete alla moda e iniettarsi antiossidanti è inutile e potenzialmente dannoso se non somministrato correttamente». La maggior parte di questi fornitori si avvale dei social media per offrire cure come trattamenti iperbarici, infusi vitaminici e antiossidanti.

 

Alcuni centri termali hanno persino iniziato a offrire lunghi ritiri anti Covid che costano ai consumatori migliaia di sterline, con rimedi che vanno dallo yoga alla crioterapia. Un rapporto dell'Office for National Statistics cita più di 830.000 persone nel Regno Unito che hanno sofferto di sintomi per almeno 12 settimane dopo aver contratto il coronavirus: «Sindrome post-Covid».  Sebbene il sistema sanitario inglese abbia istituito una rete di cliniche specializzate per il lungo Covid, alcune vittime si rivolgono a dubbie alternative online per una soluzione rapida.

Un altro fattore di rischio è che i lunghi sintomi di Covid potrebbero essere un segno di una malattia diversa, ha affermato il professore Powis. Ha aggiunto: «Alcuni sintomi di ictus, cancro ai polmoni o altre gravi condizioni respiratorie sono simili ai segni segnalati del lungo Covid. È essenziale che chiunque soffra di sintomi in corso dopo Covid-19 contatti il ​​proprio medico di famiglia, che può escludere qualsiasi altra possibile causa sottostante».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA