Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Litigano per il gatto, marito accoltella moglie nel Cremonese: lei è grave. L'uomo: «Avevamo bevuto»

Cinque i fendenti che l'hanno colpita, quattro all'addome e uno al collo. Trasportata d'urgenza all'ospedale Maggiore, la donna è arrivata in codice rosso e in pericolo di vita

Litigano per il gatto, marito accoltella moglie nel Cremonese: lei è grave. L'uomo: «Non volevo»
3 Minuti di Lettura
Martedì 2 Agosto 2022, 19:05 - Ultimo aggiornamento: 4 Agosto, 10:13

Un lite finita in tragedia a causa di un gattoMarina Viessone, casalinga di origini torinesi, è stata accoltellata dal marito Carmelo Marino, 55enne con qualche precedente, per colpa di un felino. Lei, 52anni, voleva tenere l'animale con sè mentre il marito glielo aveva portato via perché non lo sopportava. L'accoltellamento, reso noto soltanto oggi, risale a sabato sera e si è verificato in un'abitazione di Ostiano, tremila anime in provincia di Cremona

Lecce, Matteo Verdesca accoltella la moglie e poi si uccide dandosi fuoco. Il giorno prima lei sui social: «Noi, la fine del mondo»

La lite, poi la tragedia

«Non volevo, io e la mia compagna avevamo bevuto», ha provato a giustificarsi il marito, che l'avvocato Santo Maugeri difende ora dall'accusa di tentato omicidio aggravato dai futili motivi. L'allarme poco dopo le 20.30 con una telefonata al 112: «L'ho accoltellata, fate presto». All'arrivo dei carabinieri e dei sanitari del 112, la donna è riversa sul letto, in una lago di sangue. Cinque i fendenti che l'hanno colpita, quattro all'addome e uno al collo. Trasportata d'urgenza all'ospedale Maggiore, dove è arrivata in codice rosso e in pericolo di vita, è stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico per ridurre le ferite; le sue condizioni restano gravi.

Sequestrata l'arma del delitto, un coltello appuntito e con lama seghettata che i militari dell'Arma hanno trovato nel lavandino della cucina, dove era stato lavato Le indagini, affidate ai carabinieri, sono coordinate dal sostituto procuratore Chiara Treballi. Oggi, nell'interrogatorio di garanzia, davanti al Gip Giulia Masci che ha convalidato l'arresto e disposto la custodia in carcere, l'uomo ha confermato che a innescare il diverbio, come già nei giorni precedenti, è stata la convivenza col gatto.

«Il mio cliente ha confermato i fatti - spiega l'avvocato Maugeri -. È stato lui stesso a chiamare i soccorsi e i carabinieri e ha collaborato con l'operatore del 118». Marito e moglie arrivano da un percorso di recupero in comunità: «per andare d'accordo non servono le stesse idee, serve lo stesso rispetto», è una delle tante frasi scritte su Facebook dalla donna, una grande passione per i gatti come dimostrano le tante immagini sul suo profilo. «A volte ho paura di essere felice. Perché ogni volta che lo sono c'è sempre qualcosa o qualcuno che rovina tutto», aggiunge in un altro post, che il marita commenta con l'emoticon del pianto e un «non fare così».

© RIPRODUZIONE RISERVATA