Confessa di essere lesbica, ma i genitori la aggrediscono e la picchiano. Lei li denuncia, choc a Pesaro

Agguato del padre mentre lei era in auto con la compagna, salvata da un addetto di hotel vicino

Confessa di essere lesbica, ma i genitori la aggrediscono e la picchiano. Lei li denuncia, choc a Pesaro
3 Minuti di Lettura
Martedì 9 Novembre 2021, 15:17

«Amo una donna»; ma viene aggredita dai genitori e picchiata dal padre, proprio perché lesbica. E' successo a Pesaro, ad una ragazza di 20 anni. La ventenne aveva detto ai genitori, 53 anni il padre e 58 la madre, di amare una donna e la loro reazione è stata violenta.

Aggredita dai genitori perché lesbica, ecco i fatti

 

Hanno teso un agguato alla figlia all'uscita dal lavoro sabato pomeriggio: quando la giovane è uscita ed è salita sull'auto della fidanzata, il padre l'ha raggiunta da dietro, prendendola per i capelli e trascinandola via dalla macchina, poi le ha sferrato due schiaffi - riporta Il Resto del Carlino - mentre la madre la insultava. La 20enne è stata soccorsa dall'addetto di un hotel vicino, che l'ha accompagnata nella struttura, impedendo ai genitori di entrare e minacciandoli di chiamare la polizia.

Coppia gay aggredita a Palermo da una baby gang: prima gli insulti poi le botte, un ferito

L'uomo ha raccontato al giornale di avere fatto entrare nell'hotel anche la ragazza rimasta in macchina. Poi ha «permesso» un primo colloquio tra padre e figlia, subito degenerato in un litigio, così come un incontro a distanza tra la ragazza e i genitori rimasti fuori dall'hotel. Poco dopo degli amici sono venuti a prendere le due giovani.

Aggressione omofoba a Roma, indagine sul video. «Stop discriminazioni»

La ventenne si è successivamente rivolta alla polizia, dove sono andati anche i genitori per denunciarne la scomparsa. La Procura di Pesaro ha aperto un fascicolo d'indagine per maltrattamenti: la ragazza avrebbe denunciato anche fatti precedenti al suo coming out. Ha anche rifiutato la possibilità, prospettata dalle forze dell'ordine di andare in una casa protetta e ha preferito rimanere presso amici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA