Leonardo Rizzetto, muore a Venezia il figlio dell'ex calciatore Giorgio: aveva 9 anni

Sei mesi fa gli era stato diagnosticato un tumore al cervello che non gli ha lasciato scampo

Leonardo Rizzetto, Concordia Sagittaria in lutto per il figlio dell'ex-calciatore Giorgio: aveva solo 9 anni
2 Minuti di Lettura
Venerdì 27 Maggio 2022, 17:59 - Ultimo aggiornamento: 20:23

Il piccolo Leonardo ha lottato fino all'ultimo come un guerriero ma ma alla fine il male ha preso il sopravvento. Concordia Saggittaria (Venezia) è in lutto per la morte a solo 9 anni di Leonardo Rizzetto, figlio di Giorgio Rizzetto ex calciatore e direttore sportivo della locale squadra di calcio Julia Saggittaria. Leo era un bambino solare e allegro, frequentava la quarta elementare alla scuola Rita Levi Montalcini di Concordia e dal padre Giorgio aveva ereditato la passione per il calcio: giocava con i pulcini nella Julia Concordia.

La malattia 

Leonardo non aveva mai dato segni di problemi di salute, ma l'anno scorso alcuni esami avevano fatto accendere un campanello d'allarme. A novembre la terribile diagnosi: glicoma, un tumore al cervello già in fase avanzata. Sono seguiti mesi di cure e ricoveri in ospedale che il piccolo ha affrontato "senza un lamento o un segno di insofferenza, con coraggio e fede" come ha raccontato al Corriere del Veneto papà Giorgio. Ma venerdì 27 maggio il piccolo non ce l'ha fatta, è morto tra le braccia della mamma. 

Una comunità in lutto

L'intera comunità cittadina è sotto choc per la morte del piccolo Leo. Su Facebook diverse squadre di calcio si sono unite al dolore dei familiari, ricordando Leonardo come un bambino pieno di energia e sorridente: "La Julia Sagittaria si unisce all'immenso dolore per la prematura scomparsa del nostro Pulcino 2012 Rizzetto Leonardo", scrive la società, "Non ci sono parole per descrivere quanto accaduto. Un forte abbraccio al fratello Riccardo, al papà Giorgio nostro dirigente ed alla mamma Valentina".

Il funerale si terrà il 30 maggio, lunedì, alle 16, alla Cattedrale di Santo Stefano. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA