«Laila El Harim non formata per l'uso del macchinario». Due indagati per omicidio colposo

«Laila El Harim non formata per l'uso del macchinario». Due indagati per omicidio colposo
2 Minuti di Lettura
Martedì 10 Agosto 2021, 15:01 - Ultimo aggiornamento: 18:46

Laila El Harim non era stata formata all'utilizzo del macchinario nel quale lo scorso 3 agosto è rimasta incastrata e uccisa. Questa, secondo alcune indiscrezioni, una delle conclusioni cui sarebbe arrivata l'indagine della procura di Modena in merito alla morte della 40enne in un incidente sul lavoro avvenuto all'intero dell'azienda di packaging Bombonette di Camposanto (Modena).

«Laila è morta sul colpo», l'esito dell'autopsia: fratture di cranio e vertebre

Laila, morta sul lavoro: due indagati

Sono due gli iscritti nel registro degli indagati, con l'ipotesi di omicidio colposo: il legale rappresentante e il responsabile alla sicurezza dell'azienda. Oggi pomeriggio alle 18 si terrà a Massa Finalese, sempre nel modenese, il funerale dell'operaia.

Bergamo, operaio cade dall'altezza di 8 metri e muore in una fonderia: aveva 36 anni

 

Lutto cittadino e funerali a Bastiglia

Lutto cittadino oggi a Bastiglia nel giorno del funerale di Laila El Harim, che viveva proprio nel comune della Bassa modenese insieme al compagno e alla loro figlia di quattro anni. A confermarlo è l'amministrazione comunale in una nota: «Per l'intera giornata saranno esposte le bandiere a mezz'asta nella sede comunale e verranno sospese le manifestazioni pubbliche in segno di cordoglio per la prematura morte della concittadina e di vicinanza con i famigliari». Il sindaco di Bastiglia Francesca Silvestri aggiunge: «Intendiamo mandare un messaggio ai suoi cari, dire loro che non sono soli e metterci a disposizione per quanto ci sarà possibile per aiutarli a superare questo difficile momento». Il funerale di Laila El Harim si terrà oggi alle 18 nel cimitero di Massa Finalese, sempre nella Bassa modenese.

Loading...

© RIPRODUZIONE RISERVATA