Treviso, il ladro ruba in villa, la vittima mette le foto sul social: «Sono stufa»

Martedì 3 Dicembre 2019 di Alberto Beltrame Giuliano Pavan
1

SAN BIAGIO DI CALLALTA - Stanca dei continui assalti alla sua villetta, ha deciso di condividere su Facebook le immagini estrapolate dalle telecamere di videosorveglianza, in cui si vedono i ladri scorrazzare all'interno e all'esterno dell'abitazione e di cui si distinguono nitidamente fisionomia e caratteristiche, come delle vere e proprie segnaletiche, chiedendo agli utenti, nel caso li riconoscessero, di chiamare i carabinieri. Una scelta che ha fatto discutere sia sui social che tra le istituzioni cittadine quella presa dalla moglie di un noto imprenditore di San Biagio di Callalta, nel Trevigiano, censurata sia dal prefetto Maria Rosaria Laganà, che ha parlato di una scelta sbagliata e pericolosa che rischia di inquinare le indagini degli investigatori, sia dell'admin della pagina Facebook Furti in Corso, una sorta di istituzione nella Marca in cui confluiscono le segnalazioni di oltre 18 mila utenti, secondo il quale, purtroppo, chi divulga dati sensibili on line rischia di essere denunciato, anche se si tratta di malviventi.

ESASPERATA Nel mese di novembre nella Marca sono stati registrati, secondo le stime dei sindacati di polizia, oltre 300 furti. Le forze dell'ordine hanno intensificato i controlli su strada e si sono servite anche dell'elicottero del 14esimo nucleo di Belluno, che tra Vittorio Veneto, Conegliano, e l'hinterland del capoluogo, ha illuminato a giorno, nel week end, strade, abitazioni e obiettivi sensibili. L'esasperazione dei cittadini si è trasformata in psicosi in più occasioni, con centinaia di segnalazioni sui social alle forze dell'ordine rivelatesi spesso infondate. È in questo contesto di paura e tensione che la moglie dell'imprenditore, domenica scorsa, accanto alle foto dei predoni che le avevano svaligiato casa, ha scritto: «Chiudiamo bene porte e finestre ma non siamo ancora al sicuro -. Non bastano neanche vetri anti sfondamento e porte blindate, allarmi e telecamere collegate al servizio di sicurezza. Quando vogliono entrare i ladri entrano e basta. Se qualche anima pia li riconosce chiami i carabinieri». 

SUI SOCIAL Subito dopo la pubblicazione delle foto il gruppo Facebook Furti in Corso ha ricevuto una cinquantina di richieste da parte degli utenti che chiedevano di poterle condividere le immagini sul web. Si sono visti rispondere con un secco no. «Sarei stato d'accordo, ma purtroppo non si può fare - spiega Cristina Demma, admin del gruppo -. Lo scorso anno avevamo delle immagini nitide che volevamo diffondere in rete, ma prima di farlo ci siamo confrontati anche con i carabinieri. E ci è stato spiegato che, nel Vicentino, c'era un gruppo di malviventi che si faceva filmare apposta per poi presentare una querela nei confronti di chi aveva diffuso le foto con i loro volti. Non ci crederete, ma alla fine, grazie ai loro avvocati, hanno pure vinto la causa e sono stati risarciti. Senza contare l'effetto psicosi: qualcuno potrebbe accusare persone che non c'entrano nulla con i fatti, magari per una semplice somiglianza». Netta la condanna anche del Prefetto di Treviso Maria Rosaria Laganà: «Utilizzare i social network in questo modo è del tutto inutile. Anzi, dico di più: può essere molto pericoloso e controproducente. Non riesco proprio a capire quale sia lo scopo di queste azioni».
 

Ultimo aggiornamento: 10:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’asse Ficcardi–Cacciatore, la coppia che punta l’indice

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma