FEMMINICIDIO

Katia, strangolata in casa dopo una lite: il marito condannato resta libero

Mercoledì 18 Dicembre 2019 di Biagio Salvati
Katia strangolata in casa dal marito: l'uomo condannato, ma resta ancora in libertà

È di 27 anni la pena irrogata dalla Corte di Assise di Santa Maria Capua Vetere a Emilio Lavoretano, unico sospettato a piede libero del delitto della moglie Katia Tondi, la mamma di 33 anni trovata strangolata nell’appartamento coniugale di San Tammaro nel luglio del 2013.

Uccide la moglie Maila Beccarello a calci e pugni dopo l'ennesima lite: condannato a 30 anni
Stefania uccisa e bruciata, la figlia a scuola col figlio della killer: «Scusa per quello che ha fatto mia mamma alla tua»

Il pubblico ministero aveva chiesto 25 anni, ma i giudici (presidente Giovanna Napoletano) hanno aumentato di due anni la pena, condannandolo anche a una provvisionale e a un risarcimento oltre a dichiararlo sospeso dalla potestà genitoriale. La sentenza non è esecutiva: Lavoretano resta a piede libero.

Ultimo aggiornamento: 20:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani