Kaspersky, l'antivirus russo da disinstallare in Italia: i rischi e il problema dei dati personali

Kaspersky, l'antivirus russo da disinstallare in Italia: i rischi e il problema dei dati personali
3 Minuti di Lettura
Lunedì 21 Marzo 2022, 09:52 - Ultimo aggiornamento: 13:35

L'antivirus russo Kaspersky è utilizzato in Italia da 2.700 amministrazioni, tra ministeri, Comuni, forze dell’ordine e grandi aziende private.  In tutto il mondo questa società offre il suo servizio a più di 400 milioni di utenti e 240.000 società. Tuttavia la guerra in Ucraina ha dimostrato che «esiste un conflitto ibrido, parallelo» che «è in grado di fare malissimo», ha spiegato la vicedirettrice dell'Agenzia cibernetica italiana Nunzia Ciardi. Per questo motivo il governo ha deciso di mettere fuori mercato Kaspersky. «Il problema - ha sottolineato Ciardi - è che la società che lo produce ha sede in un Paese che ha messo l'Italia nella lista delle nazioni ostili. La questione non è tecnica ma geopolitica» ha affermato la vicedirettrice, per la quale non si può correre il «rischio che una società entri sistematicamente nei computer delle nostre amministrazioni». Alle società private che ora si trovano con l'esigenza di cambiare antivirus, Ciardi consiglia di «diversificare con altri prodotti». Il caso Kaspersky deve «spingere a una riflessione», ovvero «non si può dipendere da altri Paesi», ha ribadito la numero due della cybersecurity italiana, che ha esortato «ad investire sulle nostre aziende».

I rischi

Intanto il il Garante per la protezione dei dati personali venerdì ha aperto un'istruttoria per valutare i potenziali rischi relativi al trattamento dei dati personali dei clienti italiani effettuato dalla società russa che fornisce Kaspersky. Il Garante ha chiesto a Kaspersky Lab di fornire il numero e la tipologia di clienti italiani, nonché informazioni dettagliate sul trattamento dei dati personali effettuato nell'ambito dei diversi prodotti o servizi di sicurezza, inclusi quelli di telemetria o diagnostici. La società dovrà inoltre chiarire se, nel corso del trattamento, i dati siano trasferiti al di fuori dell'Unione europea (ad esempio nella Federazione Russa) o comunque resi accessibili a Paesi terzi. 

Guerra informatica, allarme antivirus russi. «Sono cavalli di Troia per gli attacchi cyber»

© RIPRODUZIONE RISERVATA