Incidente sulla Triestina, morta una ragazza di 29 anni di Mestre: chi era Jyoti, figlia del dottor Piaser

Incidente sulla Triestina, morta una ragazza di 29 anni di Mestre: chi era Jyoti, figlia del dottor Piaser
di Davide Tamiello
4 Minuti di Lettura
Martedì 9 Novembre 2021, 10:20 - Ultimo aggiornamento: 10:21

La maggior parte delle persone, davanti a una macchina fotografica, imposta una posa, la impara, e cerca di sfoggiarla pari pari a ogni scatto. Jyotika (anzi Jyoti, come la chiamavano tutti) apparteneva invece a quella minoranza risicata che ha una predisposizione naturale per il sorriso: c'è una sfumatura diversa in ognuna delle decine di foto postate sui social, senza perdere mai quel denominatore comune dell'espressione (realmente) solare. Un'estensione fisica del carattere, secondo chi la conosceva da una vita: «Jyoti era così - raccontano gli amici - una persona stupenda, dotata di una dolcezza di una sensibilità fuori dalla norma». 


Morta la figlia del dottor Piaser

Jyotika Piaser, 29 anni compiuti il 2 settembre, è una delle quattro vittime del tragico incidente di domenica sera sulla Triestina. Un punto maledetto, che ha visto una lunga scia di croci in questi anni. Jyoti stava tornando a casa, a Mestre, dopo aver cenato insieme ad un'amica quando la sua auto, come ricostruito dai carabinieri, è uscita dalla sua corsia, a Portegrandi, per andare a schiantarsi contro quella di una famiglia di Jesolo. Nome indiano, cognome veneto. Jyotika era la figlia di Fabio Piaser, medico chirurgo e dentista, membro dell'équipe di chirurgia maxilo facciale dell'ospedale di Mestre. Lui e mamma Patti Carrer l'avevano adottata quando aveva tre anni. «Era arrivata qui che era molto piccola, dell'India non ha il minimo ricordo, anche perché non aveva ancora avuto l'occasione di tornarci», racconta Andrea, uno dei suoi amici storici.  A Mestre aveva studiato allo Stefanini, poi l'università a Padova e la laurea in Scienze politiche. Figlia unica e legatissima alla famiglia, lavorava part time nello studio dentistico del padre e nel fine settimana arrotondava facendo l'hostess di terra al porto. Le lingue, per lei, non erano certo un problema visto che se la cavava bene oltre che con l'inglese, anche con il francese e lo spagnolo. 

Chi era Jyoti Piaser

Da un po' viveva da sola in un appartamento in affitto a Mestre. Amante della natura e in particolare degli animali, aveva due cani jack russel (China e Margot) e un gatto, Musciu. Con la mamma condivideva anche la passione per i cavalli e l'equitazione, uno degli sport che adorava. «La cosa che le piaceva di più? Ballare. Jyoti era una grande ballerina di salsa». Grazie all'ex fidanzato, in passato, si era avvicinata anche al mondo della pallacanestro e della Reyer: tanto che, qualche anno fa, era stata anche al matrimonio del playmaker degli orogranata, Andrea De Nicolao.  Da alcuni mesi aveva un nuovo fidanzato: l'inizio di una relazione come momento magico tra aperitivi, cene e gite in barca. «Trova qualcuno pazzo come te....e il mondo ti sembrerà più bello!», scriveva solo qualche giorno fa su Facebook. La notizia della tragica e prematura scomparsa della ragazza, ieri mattina, ha fatto in un lampo il giro della città. Cordoglio in ospedale all'Angelo, tra i colleghi del padre, tra gli amici di infanzia e i compagni di studi della giovane. «Quando penso a te penso alle feste dell'epoca delle superiori, eri sempre sorridente e con una parola buona per tutti», dice Gaetano. «Era dolce con tutti e prima di fare un torto agli altri, piuttosto lo faceva a se stessa. Questa era Jyoti», scrive un altro amico. La data del funerale, che si terrà con ogni probabilità a Mestre, non è ancora stata fissata: arriverà non appena ci sarà il nulla osta della procura, che sta indagando sull'incidente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA