SOLEIMANI

Iran, innalzato il livello di allerta nelle carceri italiane: «Possibile minaccia terrorismo»

Mercoledì 8 Gennaio 2020
2
Iran, innalzato il livello di allerta nelle carceri italiane: «Possibile minaccia terrorismo»

La crescente tensione in Medio Oriente fra Iran e Stati Uniti comincia a dare i suoi primi effetti anche in Italia. Il Capo del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria, Francesco Basentini, ha inviato oggi una nota ai direttori e ai comandanti degli istituti penitenziari per elevare il livello di allerta e di sensibilità nei confronti di un possibile innalzamento della minaccia terroristica. L'iniziativa è stata presa in considerazione dell'attuale scenario internazionale e della recente crisi dei rapporti fra Stati Uniti e Iran a seguito dell'uccisione del generale Soleimani.

LEGGI ANCHE Iran, i super-missili dell'arsenale di Teheran: «Fino a 2.000 chilometri di gittata»
LEGGI ANCHE Iran, l'attacco alle basi Usa solo un avvertimento? «Teheran ha volutamente evitato di fare vittime»
 


In particolare, Basentini ha chiesto di «intensificare l'attività di osservazione volta all'individuazione di eventuali segnali di criticità in ordine a tali fatti». Massima attenzione dovrà essere riservata a «possibili esternazioni, da parte della popolazione detenuta, di sentimenti anti-occidentali o comunque anti-americani», che saranno subito segnalate alle competenti articolazioni centrali e territoriali dell'Amministrazione. I reparti di Polizia Penitenziaria degli istituti innalzeranno inoltre il livello di vigilanza e la sicurezza interna ed esterna di ogni struttura, così come saranno potenziati anche i servizi di traduzione e piantonamento dei detenuti all'esterno delle carceri.

La minaccia terroristica di matrice internazionale è ormai da tempo accostata alla considerazione che le carceri possano costituire un bacino di reclutamento importante, agevolato oltre che dal massiccio affollamento degli istituti penitenziari anche dalla mancanza di punti di riferimento esterni. A ciò si aggiungono, come riscontrato più volte dal monitoraggio che viene svolto quotidianamente dagli uomini del Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria, le condizioni di disagio e vulnerabilità che possono incidere in maniera preponderante su «suggestioni» derivanti dalla propaganda jihadista.

L'Italia ha alzato l'attenzione sugli obiettivi sensibili presenti sul nostro territorio collegati ai Paesi in questo momento più coinvolti nell'escalation della crisi in Medio Oriente. Il Dipartimento di Pubblica Sicurezza, dopo l'uccisione del generale Soleimani, ha diramato una  circolare in cui si chiede agli apparati di sicurezza di alzare il livello del monitoraggio su tutto ciò che riguarda gli interessi di Stati Uniti e Iran, in primo luogo, e di Israele e Iraq.

Nella circolare si fa riferimento sia all'uccisione del capo dei Pasdaran sia alle manifestazioni di protesta davanti all'ambasciata Usa a Baghdad che l'hanno preceduta, sia alle «recenti dichiarazioni dell'amministrazione statunitense sull'impegno in quell'area». Per questo, si sottolinea nel documento, «si rende necessario sensibilizzare... le misure di vigilanza e sicurezza a protezione degli obiettivi diplomatico-consolari, religiosi, commerciali scolastici, turistici, culturali e ricreativi statunitensi, nonché di ogni altro ritenuto a rischio per la circostanza, compresi quelli riferibili ad Iraq e Iran».

A prefetti e questori il Dipartimento chiede inoltre di «implementare le attività di vigilanza a carattere generale, osservazione e controllo coordinato del territorio» - con l'obiettivo di «predisporre tempestivamente ogni misura finalizzata a prevenire il compimento di illegalità e garantire la tutela dell'ordine e della sicurezza pubblica» - e di «intensificare adeguatamente l'attività informativa», in modo da disporre di un «costante e sempre attuale» flusso di informazioni. Infine, la circolare ricorda a tutti gli operatori impegnati sul territorio di attenersi alla direttiva sulle misure di autotutela.

Ultimo aggiornamento: 19:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani