Travolge con l'auto del padre 7 giovani dopo una lite, arrestato per tentato omicidio

Travolge con l'auto del padre 7 giovani dopo una lite, arrestato per tentato omicidio
2 Minuti di Lettura
Venerdì 2 Novembre 2018, 18:31 - Ultimo aggiornamento: 19:44

Prima ha chiesto aiuto al padre per sostituire una ruota forata. Poi è salito sull'auto del genitore investendo sette giovani che stavano uscendo da una discoteca. Scene di ordinaria follia, la scorsa notte a Cava dè Tirreni (Salerno), che hanno portato all'arresto di un 18enne di Pagani (Salerno) per tentato omicidio. Il giovane - incensurato - era stato allontanato dal locale assieme ad altri ragazzi per un diverbio avuto con un gruppo di giovani durante una festa.

Nell'andare a riprendere la sua auto il 18enne, proveniente dall'Agro Nocerino Sarnese, si è accorto che la ruota della sua auto era bucata e, non avendo quella di scorta, ha telefonato al padre per chiedergli aiuto. Il genitore, dopo averlo raggiunto a Cava dè Tirreni, ha avviato le operazioni per sostituire la ruota e consentire al figlio di far rientro a casa. Ma proprio in quei frangenti il ragazzo è salito sull'auto del padre e, dopo aver fatto inversione di marcia, ha percorso un centinaio di metri prima di girare nuovamente il veicolo, fiondandosi verso i giovani che stavano uscendo dalla discoteca. Una manovra folle, nel corso della quale ha investito sette ragazzi (sei residenti a Cava dei Tirreni e uno ad Angri). Il più grave, un 19enne del posto, è stato ricoverato in prognosi riservata per gravi fratture al bacino all'ospedale «Santa Maria Incoronata dell'Olmo» di Cava dè Tirreni.

Gli altri hanno riportato lesioni giudicate guaribili tra i 5 e gli 8 giorni. Il 18enne, tra l'altro, nel compiere la sua azione spericolata ha urtato anche il padre che ha riportato una prognosi di cinque giorni. Ma non è tutto. Il ragazzo, alla guida della Fiat 500 del genitore, è salito sul marciapiede, danneggiando altre vetture che erano parcheggiate e terminando la sua corsa contro un palo della luce. È stato allora che un appartenente alla Polizia Penitenziaria è riuscito a bloccarlo, in attesa dell'arrivo degli agenti del commissariato di Polizia di Cava dè Tirreni che lo hanno preso in consegna e identificato. Il 18enne è stato sottoposto anche a droga e alcol test ma entrambi gli accertamenti hanno dato esito negativo. I poliziotti, dopo aver ascoltato diversi testimoni, sono riusciti a ricostruire l'esatta dinamica di quanto accaduto.

Gli elementi raccolti hanno fatto scattare l'arresto in flagranza di reato per omicidio colposo, con il giovane che è stato condotto nella sua abitazione dove resta agli arresti domiciliari. L'episodio avvenuto la scorsa notte a Cava dè Tirreni ha riportato alla mente un precedente avvenuto pochi mesi fa e pochi chilometri di distanza. Lo scorso 6 maggio, infatti, due giovani napoletani si scagliarono volontariamente contro l'ingresso di una discoteca di Salerno, tentando di travolgere i clienti che si trovavano all'esterno del locale. Dopo tre mesi d'indagini, lo scorso 14 agosto, entrambi sono finiti agli arresti domiciliari con l'accusa di tentato omicidio aggravato e continuato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA