Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Milioni di cavallette invadono la Sardegna: 50 aziende devastate nel Nuorese

Milioni di cavallette invadono la Sardegna: 50 aziende devastate nel Nuorese
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 12 Maggio 2021, 17:16 - Ultimo aggiornamento: 17:18

«Le cavallette continuano a dilagare nelle campagne del Nuorese», colpendo oltre 50 aziende. È questa la denuncia di Giampaolo Sanna, presidente Copagri, Confederazione produttori agricoli, per la Provincia di Nuoro e Ogliastra. «La loro presenza- prosegue- avvertita inizialmente nella piana di Ottana, è ora registrata in agro di Nuoro e nei Comuni che si susseguono verso Macomer. I danni alle colture sono ingenti». 

Il presidente parla poi di «mancate azioni di prevenzione già sollecitate lo scorso anno». Secondo l'organizzazione agricola sono interessate una cinquantina di aziende. La voracità delle cavallette è nota e ne fanno le spese pascoli, prati-pascoli, ortive; ogni area verde è aggredita riducendo scorte foraggere e contraendo il reddito dei produttori. I mutamenti climatici unitamente alla presenza di superfici incolte, ne favoriscono la riproduzione. «Occorre che la Regione intervenga intanto a rimborsare i danni subiti» è l'appello finale.


Invasione di cavallette in Sardegna, l'allarme Coldiretti: «Una catastrofe biologica»

Più lapidario il presidente regionale di Copagri Ignazio Cirronis che di fronte alla ricorrenza del fenomeno ha definito la «predisposizione di un piano di prevenzione che faccia leva sulla lavorazione delle terre incolte, sulla lotta biologica attraverso la diffusione dei coleotteri loro nemici naturali ma pronti ad intervenire ai primo segnali di diffusione, un'azione non più procrastinabile». Fino a sollecitare l'intervento degli assessori dell'agricoltura e dell'ambiente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA