INSTAGRAM

Picchia e rapina un ragazzo: «La fidanzata influencer Christina Bertevello lo aiutava»

Venerdì 13 Dicembre 2019
Picchia e rapina un ragazzo: «La fidanzata influencer Christina Bertevello lo aiutava»brutalmente

L'influencer varesina Christina Bertevello, da 600mila followers su Instagram, con video molto popolari anche su Youtube, dove canta con il nome di Badass, è coinvolta insieme al fidanzato e a un amico marocchino nel pestaggio di un altro giovane del varesotto. Per lei e per l'amico il giudice ha disposto l'obbligo di presentazione agli uffici della polizia giudiziaria, mentre il fidanzato è agli arresti domiciliari, così come il ragazzo che è stato legato a un albero, bastonato e rapinato di 800 euro. I quattro sono tutti tra i 22 e i 24 anni e residenti in provincia di Varese. Rapina, estorsione, minaccia con armi e danneggiamento sono i reati contestati a vario titolo agli indagati.

Chiara Biasi, l'influencer risponde allo scherzo in tv delle Iene

L'indagine, coordinata dalla procura della repubblica di Busto Arsizio, era nata da un intervento dei carabinieri, lo scorso 15 novembre, nei pressi di un hotel di Somma Lombardo, dove era stata segnalata una rapina con un'arma da fuoco a un 22enne di Busto Arsizio. All'epoca l'aggressore, un 24enne nato a Milano e residente nel Luinese, era stato denunciato per rapina e anche per spaccio e porto abusivo di armi, visto che aveva 20 grammi di marijuana e un coltello. Scavando più a fondo, è venuto fuori uno scenario criminale più ampio, verosimilmente legato alla riscossione di debiti per droga. I carabinieri hanno accertato che la vittima della rapina aveva un debito con il suo aggressore, che lo aveva rintracciato grazie a un conoscente comune.
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Grandi occhi

Un post condiviso da Bada$$ B Christina Bertevello (@christina.bertevello) in data:


A quel punto il rapinato, scoperto chi aveva fatto il suo nome, lo ha attirato in un bosco dove, con l'aiuto della fidanzata influencer, che ha anche fatto parte di un gruppo musicale, e di un coetaneo marocchino, lo ha legato a un albero e lo ha picchiato brutalmente con pugni e bastonate, fracassandogli anche il cellulare davanti agli occhi con un trapano. I tre hanno slegato il giovane solo quando ha loro consegnato 800 euro chiesti come risarcimento per aver fatto la spia. Per ricostruire i fatti, i militari hanno ascoltato numerosi testimoni, analizzato i filmati delle telecamere della zona ed esaminato i tabulati telefonici delle persone coinvolte. Nel bosco dove il ragazzo era stato legato hanno anche trovato e sequestrato il cellulare danneggiato e alcuni fazzoletti sporchi di sangue.

 

Ultimo aggiornamento: 14:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma