Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Incidente a Treviso, ragazza si salva per miracolo: «Non vengo con voi, sono troppo stanca»

Incidente a Treviso, ragazza si salva per miracolo: «Non vengo con voi, sono troppo stanca»
di Valeria Lipparini e Giuliano Pavan
4 Minuti di Lettura
Giovedì 18 Agosto 2022, 07:18

GODEGA DI SANT’URBANO - «Ragazzi è tardi, sono stanca. Ci vediamo domani». Poche parole per salutare i quattro amici con cui aveva passato la serata non sapendo che sarebbero state le ultime che avrebbe rivolto loro. Alice si è salvata per miracolo. Nella Volkswagen Polo condotta da Daniele Ortolan ci doveva essere anche lei, per andare a mangiare un panino al Burger King. Ma su quell’auto, poco prima delle 2 di notte di sabato scorso, invece non ci è salita. Non ha avuto alcun presentimento, nessun presagio. Era davvero stanca e ha preferito andare a casa. Non si è nemmeno fatta accompagnare: «Vado a piedi, abito qui dietro». Non poteva immaginare che di lì a poco i suoi quattro amici avrebbero perso la vita in un incidente che ha scosso tutta la Marca, e non solo.

IL PARTICOLARE

Il dettaglio emerge dalle indagini portate avanti dagli inquirenti. Per ricostruire la serata passata da Daniele Ortolan, Daniele De Re, Marco Da Re e Xhuliano Kellici gli investigatori hanno parlato con le famiglie, gli amici, gli avventori del locale in cui erano stati i quattro giovanissimi prima dell’ultimo viaggio in via Cordignano. e tra questi, appunto, c’era anche Alice che, a conti fatti, ha preso una decisione che l’ha strappata a un destino crudele. Anche lei si sta chiedendo se sia stato un colpo di fortuna o l’assistenza di un angelo custode. E si chiede anche, tra le lacrime, se la sua presenza su quell’auto avrebbe potuto disegnare un finale diverso: magari, con una ragazza a bordo, la velocità della Polo sarebbe stata meno elevata e magari, pur uscendo di strada, l’incidente sarebbe stato soltanto un incidente e non una tragedia. Domande a cui la giovane non ha e non avrà mai risposta. Consapevole però che il fatto di aver deciso di chiudere quella serata di festa poco prima delle 2, evitando di intraprendere un viaggio in auto di notte verso il Burger King, l’ha messa nella duplice condizione di sentirsi miracolata per essere viva ed estremamente affranta per aver perso i compagni di una vita.

LE VOCI

«Sono andato a dormire che avevo quattro grandi amici. Per loro mi sarei gettato nel fuoco e loro avrebbero fatto lo stesso per me. Scommettevo ogni giorno su di loro. E ogni giorno me li trovavo a fianco. Mi sono svegliato che non c’erano più. Morti tutti e quattro. Sono impietrito dal dolore. Non ci credo ancora». Omar, coetaneo di Daniele Ortolan, Daniele De Re, Xhuliano Kellici e Marco Da Re ieri mattina era seduto nella curva maledetta dove i suoi amici si sono schiantati sabato notte. Nell’altra sponda del fosso, accanto a un mazzo di fiori e ai lumini deposti nel luogo della tragedia. Lo sguardo perso nel vuoto. Gli occhi asciutti, ma lo sguardo che vaga in un nulla liquido. «Mi ha telefonato un mio amico domenica mattina per darmi la notizia e ho creduto ad uno scherzo. Non poteva essere vero. Invece, era terribilmente vero. Non c’è più nessuno». Omar ricorda. Sembra impossibile che un ragazzino abbia tanti ricordi. Invece, li sciorina uno a uno. «Daniele De Re era mio amico da quando eravamo bambini. Poi siamo cresciuti. Compagnie diverse, ma loro quattro e io ci trovavamo sempre in centro. Solito bar, quattro chiacchiere e la decisione di trascorrere le serate, soprattutto d’estate, tra una festa o un panino al Mc Donald’s. Parlavamo di sport, di come ci era andata la giornata e di cosa avremmo fatto il fine settimana. Senza di loro mi sento senza bussola, senza punti di riferimento». E il parroco di Godega, don Celestino Mattiuz lancia un appello: «Chi deve assumere provvedimenti per prevenire queste stragi, lo faccia. Mettiamo in sicurezza le strade pericolose prima che succeda un altro incidente mortale, altri lutti e altre croci. In quella stessa strada ricordo che nel 2019 erano morti altri due giovani». Don Mattiuz lancia, però, un monito anche ai giovani: «Pensate al domani e non vivete solo l’oggi. Custodite la vita e pensate alle vostre famiglie». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA