Ubriaco sul Suv travolge e uccide due amici in moto sulla tangenziale nord in direzione Milano

Sabato 29 Giugno 2019
5

La moto, la gioventù, i tatuaggi e la voglia di arrivare lontano, in sella a una due ruote, stroncate da una bottiglia di superalcolici svuotata mentre si è al volante di un Suv, che si è portata dietro la vita di due ragazzi di 26 anni. È quanto accaduto la notte scorsa a Nova Milanese, in provincia di Monza e Brianza, sulla tangenziale Nord in direzione Milano. Un uomo di 45 anni alla guida di un suv è piombato sulla moto di Federico Vasile, 26 anni, in sella insieme all'amico e coetaneo Nicolò Moraschini. 

Roma, perde il controllo della moto e finisce contro un'auto: Massimiliano muore a 37 anni

Un impatto terrificante, pochi attimi in cui l'aria si è riempita del rumore di ruote e lamiere accartocciate e trascinate sulla carreggiata e poi il silenzio. Vasile da quell'asfalto non si è più rialzato, è morto all'istante mentre il suo amico, soccorso e trasportato in condizioni disperate all'ospedale San Carlo di Milano in elicottero, è deceduto poco dopo essere stato ricoverato, nonostante i tentativi dei medici di salvargli la vita. 

Entrambi erano erano appassionati di moto, in particolare Harley Davinson e abitavano in provincia di Milano, dove stavano facendo ritorno dopo una serata in compagnia. «Non ci voglio credere, non mi sembra vero», scrive un amico sulla pagina facebook di Federico Vasile che aggiunge «siamo cresciuti insieme, ti vorrò per sempre un bene dell'anima, tu stai con noi sempre, ciao amico mio». In rete, sui social, a decine i messaggi si sono moltiplicati per ricordarli entrambi. Oltre alle parole di cordoglio, sono arrivate anche le polemiche e gli insulti per l'automobilista alla guida dell'auto che li ha falciati, anche lui ferito e ricoverato in ospedale non in pericolo di vita, risultato positivo all'alcol test con un tasso cinque volte superiore al consentito.

Sul pavimento interno della sua macchina gli agenti della Polizia Stradale di Arcore hanno trovato una bottiglia di superalcolico vuota. A quanto emerso a provocare il drammatico incidente sarebbe stato lo stesso automobilista che, dopo aver sbandato, è finito contro un furgoncino e poi dritto sulla moto con a bordo le due vittime. Per lui, piantonato in ospedale, ottenuti anche gli esiti dei test tossicologici cui è stato sottoposto la scorsa notte per verificare se abbia assunto anche droghe, è scattato l'arresto per omicidio stradale.

Ultimo aggiornamento: 17:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma