Incidente Alto Adige, salgono a sette le vittime della strage: investitore in carcere, ancora 3 ragazzi in terapia intensiva

Lunedì 6 Gennaio 2020
3
Incidente Alto Adige, la dottoressa, il calciatore, l’architetto: chi sono i 6 ragazzi morti

Sale a sette il bilancio della strage di Lutago, quando sabato notte un'automobile ha investito una comitiva di giovani turisti tedeschi davanti al loro albergo a Lutago, in Alto Adige. È deceduta alla clinica universitaria di Innsbruck, Julia di 21 anni. Le condizioni della ragazza da subito erano risultate gravissime. Ha lasciato intanto il reparto di psichiatria dell'ospedale di Brunico, dove era ricoverato ed è stato trasferito in carcere, il giovane di 27 anni che era alla guida dell'auto, Stefan Lechner.Trovato con un tasso alcolemico quattro volte superiore ai limiti di legge e accusato di omicidio stradale e lesioni stradali, è sotto choc.

Per salvare la vita di Julia i soccorritori avevano tentato l'impossibile. L'elisoccorso Aiut Alpin Dolomites può volare anche di notte, essendo dotato di visori notturni di ultima generazione. D'inverno il servizio termina con l'imbrunire, ma per Raffael Kostner e la sua squadra non esistono turni di lavoro. Quando arriva la telefonata, a qualsiasi ora, loro intervengono. Per trasferire la giovane in Austria la squadra, composta da un pilota, un copilota, un medico d'urgenza e un soccorritore, è stata buttata giù dal letto e pochi minuti dopo l'elicottero rosso era in volo verso la valle Aurina, dove è stata prelevata la ferita. Dopo aver sorvolato nel buio totale la cresta di confine con le sue vette che superano i tremila metri, l'Aiut Alpin è atterrato sulla piazzola della clinica universitaria di Innsbruck, che dispone di un reparto di rianimazione all'avanguardia.

Incidente a Senigallia, guidatore ubriaco travolge e uccide due donne all'uscita dalla discoteca: arrestato

Purtroppo la corsa contro il tempo e tutti i tentativi dei medici di strapparla alla morte sono stati vani. Oggi Julia, che aveva ancora un'intera vita davanti, è deceduta. Troppo gravi sono state le ferite riportate nel terribile incidente. Ora si spera che almeno gli altri feriti si possano salvare. È ancora in pericolo di vita un ragazzo ricoverato nell'ospedale di Bolzano. A fare il punto è il bollettino dell'azienda sanitaria dell'Alto Adige, in cui si spiega che la situazione clinica degli altri 2 pazienti in terapia intensiva è stabile. Per quanto riguarda i sette feriti meno gravi - 3 pazienti ricoverati a Bressanone e 4 pazienti ricoverati a Brunico - alcuni sono già stati dimessi o attualmente in fase di dimissione.
 

 

In mattinata gli ultimi membri della comitiva di giovani turisti tedeschi, tutti ventenni o poco più, hanno lasciato la
valle Aurina e sono tornati in Germania. Già ieri sera era partito un primo pullman, dopo un incontro con l'ambasciatore e il console che hanno anche visitato i feriti nell'ospedale di Brunico. Alcuni parenti delle vittime oggi si sono invece recati al luogo dell'incidente per deporre fiori e accendere candele. Nessuno ha voglia di parlare, il dolore è troppo grande. Tutti sanno che nulla sarà come prima.

 

Ultimo aggiornamento: 22:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Casa mia è piena di gente”. E menomale che si chiama isolamento

di Veronica Cursi