Incidente A4, furgone contro tir: 6 morti, la strage dei disabili sull'autostrada killer

Il dramma nel tratto compreso tra lo svincolo di San Donà- Noventa e di Cessalto, in direzione di Trieste

Furgone sotto un tir in A4: 6 morti, bilancio provvisorio. Autostrada chiusa
di Monica Andolfatto
4 Minuti di Lettura
Venerdì 7 Ottobre 2022, 17:19 - Ultimo aggiornamento: 9 Ottobre, 10:14

NOVENTA DI PIAVE (Ve) Il pullmino si schianta contro un tir fermo in colonna e in A4 all'altezza del casello di San Donà-Noventa. E' l'inferno. Ad accartocciarsi sul retro dell'autoarticolato è un Ducato dell'associazione Centro 21 di Riccione che assiste persone con sindrome di Down. Muoiono in sei. Sul colpo. Intrappolati fra le lamiere. Solo una persona sopravvive ma è in condizioni gravissime. Erano partiti dalla Romagna per una gita: erano attesi a Lauco, in provincia di Udine, per un incontro sul tema della disabilità. I deceduti sono il conducente, Massimo Pironi, 63 anni, ex sindaco della città romagnola, Valentina Ubaldi (22), Rossella De Luca (37) e il fidanzato Alfredo Barbieri (52), Francesca Conti (25), Maria Aluigi (34), tutti utenti della struttura. L'educatrice Romina Bannini di 36 anni, seduta sul sedile posteriore, ieri sera lottava per la vita nel reparto di terapia intensiva all'ospedale di Treviso. Tutte le salme sono state trasportate all'obitorio di San Donà dove in serata sono giunti i familiari partiti da Riccione non appena saputa la notizia della strage. Il Comune ha proclamato il lutto cittadino e interrotto le manifestazioni per il centenario.

Incidente A21 a Caorso tra mezzi pesanti. Cisterna in fiamme: due morti e diversi feriti

Inferno sulla A1 vicino a Fabro Due morti, sei feriti estratti dalle lamiere

LA DINAMICA

Sono all'incirca del 15.45 di ieri quando, qualche centinaio di metri dopo l'uscita dell'A4 in territorio di Noventa di Piave, il furgone donato dal Lion's Club piomba sul camion che è in movimento lento a causa della coda in direzione Trieste, che si è formata perché poco prima di Portogruaro un mezzo pesante era andato parzialmente a fuoco per il surriscaldamento dei freni. Ad avvisare del tappo alla circolazione tra Meolo-Roncade e il bivio A4/A28 anche i pannelli a messaggio variabile. La circolazione è molto sostenuta perché è venerdì pomeriggio e molti autisti stranieri stanno rientrando oltre confine. «L'ho visto sullo specchietto retrovisore mi sono messo le mani sulla testa e ho aspettato il colpo» queste le prime parole che il camionista croato di 36 anni avrebbe rilasciato agli agenti della Stradale giunti pochi minuti dopo il terribile incidente dal vicino comando di San Donà. Non ha potuto fare nulla se non assistere all'impatto. La dinamica nella sua crudezza è chiara. Con ogni probabilità chi era alla guida del furgone o si è distratto oppure è stato colto da un malore improvviso: sull'asfalto non ci sarebbero segni di frenata. Il magistrato di turno della procura di Venezia una volta informato dell'accaduto ha disposto il sequestro dei due veicoli coinvolti. Ad attendere i parenti delle vittime a San Donà un equipe di psicologi predisposta dall'Ulss.

L'autostrada viene chiusa subito. Imponente la macchina dei soccorsi. Si sa che in scenari del genere il fattore tempo è determinante. Si spera fino all'ultimo. Con il passare dei minuti purtroppo non si parla di feriti, ma di vittime. Solo una persona viene estratta ancora in vita e trasportata in elicottero a Treviso. Negli occhi degli operatori lo sconforto davanti alla fila di cadaveri con il medico del Suem che deve stilare il certificato di morte.

IL CAOS

Le operazione di identificazione non sono facili. Poi quando il quadro si fa più nitido la sciagura assume, se possibile, contorni ancor più tristi e drammatici: a morire sul tratto maledetto dell'autostrada Venezia-Trieste sono persone che insieme a un volontario e a una accompagnatrice stavano andando al Lauco, uno dei borghi più caratteristici della Carnia per trascorrere alcuni giorni di vacanza. La viabilità va in tilt. In A4 direzione Trieste il serpentone che si forma è di una decina di chilometri e si registrano altri due incidenti, uno con un mezzo in fiamme. La situazione è al collasso anche sulle strade urbane dell'intero Veneto Orientale intasate sia dal traffico ordinario che da quello straordinario provocato dalla chiusura dell'autostrada. La dinamica dell'incidente è molto simile a quella di tanti altri incidenti avvenuti in questo stesso tratto di autostrada: nel 2021 sono state 21 le persone che qui hanno perso la vita, e altre 16 nei primi nove mesi di quest'anno. Tutti i giorni ci sono rallentamenti per traffico intenso o per lavori, i mezzi pesanti si incolonnano o si fermano bruscamente lungo la carreggiata, frequentissimi i tamponamenti, spesso ad alta velocità.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA