Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Incendio Versilia, il pompiere Michele Melosi sveglio da tre giorni: «Scappati da fiamme di 40 metri»

Incendio Versilia, il pompiere Michele Melosi sveglio da tre giorni sveglio: «Scappati da fiamme di 40 metri»
2 Minuti di Lettura
Giovedì 21 Luglio 2022, 14:23

«Siamo scappati da fiamme di 40 metri». È la testimonianza, al Tirreno, di uno dei pompieri impiegati nell'incendio in Versilia, dove sono state evacuate oltre mille persone. Scoppiato lunedì scorso sulle colline di Massarosa, il rogo si è poi esteso al vicino territorio che ricade nel comune di Camaiore e poi anche a frazioni del comune di Lucca. Michele Melosi è uno dei circa cento vigili del fuoco impegnati sul campo a Massarosa e Camaiore: «Quando pensi di averlo domato, riparte: riusciamo a sconfiggerlo se cala il vento». In tutto è stato sveglio tre giorni per spegnere il rogo.

Incendio a Massarosa, una montagna in fumo: oltre 1000 evacuati, bruciati 868 ettari in 4 giorni. Trovati gli inneschi, è caccia al piromane

Incendio Versilia, la storia del pompiere Melosi

«L'incendio iniziale, che occupava un'area di 70 ettari, è passato a 600», racconta Melosi a Localteam. Come si è diffuso? «Grazie ai forti eventi. I nostri mezzi aerei di notte non possono sorvolare la zona. Abbiamo dovuto evacuare diverse città della zona. Stiamo evacuando ora la frazione di Gualdo, circa 500 persone. Abbiamo schierato 4 canadair e 4 elicotteri, un centinaio di persone a terra e una trentina di mezzi. La situazione è sotto controllo solo quando non si alza il vento, altrimenti le fiamme avanzano, sopratutto nel fronte nord ovest, ovvero nel marchigiano».

© RIPRODUZIONE RISERVATA