Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Immigrazione clandestina, smantellata rete nel Nord Italia: 7 arresti, uno aveva contatti con un terrorista di Londra

Immigrazione clandestina, smantellata rete nel Nord Italia: 7 arresti, uno aveva contatti con un terrorista di Londra
2 Minuti di Lettura
Venerdì 5 Marzo 2021, 10:10

La Digos di Trieste, supportata dal Servizio per il Contrasto all'Estremismo e Terrorismo Esterno della Dcpp/Ucigos, ha smantellato un'organizzazione dedita al transito di clandestini provenienti dal Kurdistan e diretti in Europa anche procacciando documenti d'identità falsi in cambio di ingenti somme di denaro. Sono state eseguite 5 ordinanze di custodia cautelare in carcere, di cui due estese in ambito europeo, e 2 arresti domiciliari nei confronti di cittadini iracheni di etnia curda. Uno di questi aveva legami con un cittadino siriano responsabile dell'attentato terroristico del 15 settembre 2017 a Londra.

Trieste, va al bar tutti i giorni per vedere una cameriera: condannato per «corteggiamento ossessivo»

I poliziotti hanno effettuato anche diverse perquisizioni che hanno coinvolto un cittadino italiano. Una decina di persone risultano indagate ma non si trovano in Italia e dunque le ricerche sono estese anche all'estero. L'operazione, denominata Hub, diretta dal pm Massimo De Bortoli della Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo di Trieste, ha riguardato, oltre che Trieste, numerose città del nord Italia.

Le indagini sono cominciate da una serie di approfondimenti su un cittadino iracheno M. F. S., di 30 anni, residente a Trieste, risultato in contatto con Ahmed Hassan, alias Aziz Aljaf, di 22 anni, cittadino siriano, responsabile dell'attentato terroristico compiuto il 15 settembre 2017 a Londra, quando un ordigno rudimentale fu fatto esplodere a bordo nella metropolitana alla stazione «Parson Green». Un attentato che fu successivamente rivendicato dall'ISIS. Dalle indagini non risulta tuttavia che le persone arrestate o indagate abbiano commesso reati inerenti il terrorismo internazionale.

«Mare Jonio pagata per trasbordo migranti». Quattro indagati dai pm di Ragusa, anche Casarini e Caccia

© RIPRODUZIONE RISERVATA