Trentino, nella Valle di Ledro
il "Tuffo della Merla":
il bagno più freddo d'Italia

Sabato 25 Gennaio 2020
Il

VALLE DI LEDRO (TRENTINO), 25 GENNAIO 2020  Saranno un centinaio gli irriducibili appassionati che domani alle 12.00 daranno vita al lago di Ledro al dodicesimo Tuffo della Merla. Sono attesi in Trentino da tutt’Italia per celebrare un evento da Guinness: vuoi perché l’evento più gelido d’Italia è dedicato all’Unesco che in Valle di Ledro tutela la biosfera delle Montagne che sovrastano le Palafitte dell’Età del Bronzo poste nella zona orientale del lago; vuoi perché la temperatura dell’acqua è molto vicina a zero gradi.

Anche quest’anno sarà insomma un Mezzogiorno da…. brividi. Ma addolcito dalla novità creata dallo Chef siculo-rivano Mimmo Sardo. Una splendida torta che raffigura il lago di Ledro e il logo del Tuffo, con la Merla pronta a immergersi nelle azzurre acque teatro del cimento. Un piccolo e goloso capolavoro, frutto della collaborazione tra l’Hotel Garda di Riva e l’Hotel Lido di Pieve su un’idea del comune amico Diego Decarli.

La sfida al freddo è una costanza di quest’evento del Trentino che vede i partecipanti tuffarsi dalla riva, nuotare per una ventina di metri, salire sul pontile leggermente riscaldato dal sole di mezzogiorno, rituffarsi in acqua e tornare a riva. Insomma, una vera e propria impresa da iron man. E nonostante le bizze del lago di Ledro - il cui livello dell’acqua è sceso nelle ultime settimane di parecchi metri rispetto ai livelli estivi – il Tuffo della Merla si svolgerà regolarmente. Grazie al supporto del Comune la zona del tuffo è stata adeguata alla nuova situazione. Anche domani sono attesi i cinque Senatori ovvero coloro che hanno partecipato a “tutte le battaglie invernali” a suon di tuffi iniziate nel 2009: Luca Degara (storico co-organizzatore del Tuffo con l’amico Marco Bertolotti), Roberto Franceschini (il famoso Bistecca protagonista negli anni 80 di tante battaglie ambientaliste tanto da venir eletto in Consiglio regionale del Trentino-AA con i Verdi), Gianni Amistadi e Fabia Torbol con il marito Luigi Zambotti.

A rendere quasi unico questo bagnetto a Pieve è lo splendido comprensorio turistico della valle di Ledro, ideale per le attività outdoor posto a 650 metri di quota sul livello del mare e collocato tra il Garda e la Valle del Chiese. Con il Winter Ledroman di Triathlon di inizio gennaio Il Tuffo della Merla segna l’apertura della stagione outdoor 2020 in Valle di Ledro che nei prossimi mesi ospiterà, tra l’altro, la Ledro Trail (16 maggio), la Ledro Sky Race (7 giugno), la Ledroman di Triathlon (12 luglio) e la Ledro Running (23 agosto) e poi regate veliche, competizioni di canoa e manifestazioni di running. A conferma che qui c’è il paradiso per chi ama la vacanza attiva o cerca un pò di relax. Nato nel 2009 come sfida agli amici che frequentavano analoghe manifestazioni a Riva del Garda e a Trento, il Tuffo della Merla di Ledro ha registrato negli anni un crescente successo: 15 arditi sono entrati in acqua il primo anno e dopo una breve flessione di presenze registrata nel 2010 si è saliti a 19 partecipanti nel 2011, a 24 nel 2012, a 35 nel 2013, a 50 nel 2014, a 60 nel 2015 sino ai quasi 90 dello scorso gennaio. Una bella soddisfazione per Marco Bertolotti e Luca Degara che curano l’evento con il supporto dell’ APT Valle di Ledro e dell’amministrazione comunale guidata da Renato Girardi: il Tuffo della Merla è a iscrizione libera con info al numero telefonico +39 0464 591037 o alla mail info@hotellidoledro.it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA