COVID

Venezia, Harry's Bar si scusa con i clienti: «Avevamo 50 coperti, costretti a riaprire lunedì»

Domenica 31 Gennaio 2021
Covid, l'Harry's Bar di Venezia protesta dai giornali: «Per domenica avevamo 50 coperti»

L'Harry's Bar di Venezia ha comprato una pagina pubblicitaria su «Il Gazzettino», per annunciare alla sua clientela che riaprirà lunedì. È questo il singolare modo con cui Arrigo Cipriani, il titolare del noto bar, ha voluto protestare. L'iniziativa dell'imprenditore infatti è legata al rinvio di due giorni - come da Dpcm - per la riapertura dei ristoranti, già duramente colpiti dalle norme di contenimento per la pandemia da CovidÈ solo a partire dal 1° febbraio infatti, data in cui il Veneto entra in zona gialla, che i bar della città potranno accogliere di nuovo i propri clienti.

 

Roma, bar e ristoranti sfidano i divieti: servizio ai tavoli anche a cena

L'annuncio

L'imprenditore ha spiegato le proprie ragioni rivolgendosi alla clientela, e ha sottolineato di avere ben 50 coperti prenotati per domenica, dopo l'annuncio del passaggio del Veneto dalla zona arancione alla zona gialla. Queste le sue parole: «Il ministero della salute in accordo con il ministero dello sviluppo economico ha emesso venerdì un dpcm che sposta incomprensibilmente a lunedì gli effetti del parere del comitato scientifico. Ciò ha fatto perdere due giorni di ripresa preziosa ai bar e ai ristoranti di tutta la regione», così Cipriani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA