Putin cosa ha detto? Niente "guerra totale", il discorso moderato che apre a una fase di negoziati

Putin cosa ha detto? Niente "guerra totale", il discorso moderato che apre a una fase di negoziati
di Mauro Evangelisti
2 Minuti di Lettura
Lunedì 9 Maggio 2022, 11:25 - Ultimo aggiornamento: 12:15

Nessuna sorpresa. E per fortuna neppure nessuna sorpresa negativa. E si apre lo scenario di una negoziazione sotterranea con l'Occidente in linea anche con prese di posizione più moderate negli ultimi giorni di Zelensky. Vladimir Putin, per il discorso alla parata della giornata della vittoria ha semplicemente ripetuto le solite frasi di propaganda che presentano una visione russocentrica della Storia, puntano a consolidare il consenso interno, non affrontano il problema dell'insuccesso del progetto di una guerra lampo.

Ucraina diretta. Putin: «L'Occidente preparava un'invasione. Intervento necessario, ma evitare guerra globale»

Nessuna mobilitazione generale

Non c'è stata la temuta dichiarazione di una guerra totale e della mobilitazione generale che avrebbe, probabilmente, alimentato il dissenso perfino nella monolitica opinione pubblica russa  Lui stesso mette in guardia di fronte al rischio di una guerra totale, che si estenda ad altre parti del continente e del pianeta, anche se l'esperienza ha insegnato a diffidare delle parole del leader russo perché le azioni spesso sono opposte alle parole. Cosa dice Putin? «L'intervento è stato preventivo. La Nato minacciava i nostri confini, l'Occidente stava apertamente preparando un attacco al Donbass e alla Crimea. Da Kiev c'erano richieste di armi nucleari», «non deve ripetersi l'orrore della guerra globale». E poi il solito e poco credibile ritornello della Russia come unico Paese difensore dei «valori millenari». Valori ovviamente decisi da Vladimir Putin.  

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA