Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ha un infarto, ma la guardia medica è chiusa: maestra 67enne morta nel sud della Sardegna

Il sindaco Paola Casula: «Penalizzati dalla mancanza di personale. Pagano sempre i cittadini»

Ha un infarto, ma trova la guardia medica chiusa: maestra 67enne morta nel sud della Sardegna
2 Minuti di Lettura
Giovedì 2 Giugno 2022, 16:07 - Ultimo aggiornamento: 17:05

Ha un attacco cardiaco e corre alla guardia medica, ma la trova chiusa. Dorina Serra, insegnante di 67, è morta in ambulanza mentre i rianimatori del 118 provavano a salvarle la vita, senza riuscirci. A stroncarla è stato un infarto, ha accertato la squadra medica intervenuta. Dory, come era conosciuta, lavorava a Segariu (Sud Sardegna) e stava per andare in pensione. Aveva 67 anni.

Stefano Russo, malore durante la Spartan Race a Cesenatico: morto dopo due giorni, aveva 34 anni

Pilota ha un infarto, ma riesce ad atterrare, poi muore. In salvo il passeggero della troupe di Marco Paolini

Le parole del sindaco

«Mi dispiace molto per la scomparsa della maestra Dorina – ha detto il sindaco Paola Casula – aveva scelto di vivere nel nostro paese. La sua morte ha colpito tutta comunità. Non conosco bene la dinamica dell’episodio, ma una cosa è certa: la guardia medica era chiusa», le sue parole riportate da L'Unione Sarda. «Quando non c’è il medico a Guasila, bisogna rivolgersi a Mandas e Senorbì – continua Paola Casula – i paesi dell’interno sono penalizzati dalla mancanza di personale. E alla fine a pagare sono sempre i cittadini». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA