Milano, guardia giurata spara al figlio 13enne della compagna intervenuto per difenderla

Lunedì 10 Giugno 2019
1
Guardia giurata insegue e spara al figlio 13enne della compagna dopo una lite

«È stato lui, mi è venuto contro», aveva detto agli inquirenti arrivati sul luogo della sparatoria. Ma la versione di Angelo Di Matteo - guardia giurata di 45 anni che, nella tarda serata di ieri, ha ferito con un colpo della pistola d'ordinanza il figlio della sua compagna a Milano - non regge. Il racconto del ragazzo e di sua mamma hanno portato a ricostruire una storia del tutto diversa.

LEGGI ANCHE Guardia giurata spara al figlio 13enne della compagna: «Ha tentato di disarmarmi»

Il prologo della vicenda è avvenuto in una pizzeria da asporto. Qui D'Andrea e la compagna, una donna albanese di 51 anni, avevano cominciato a litigare perché lui era ubriaco e aveva dato in escandescenze perché pretendeva uno sconto e si era preso a male parole con i titolari, degli egiziani. La compagna lo aveva invitato ad andare a casa e lui l'aveva insultata pesantemente: «... ti piacciono gli egiziani». La donna aveva avvertito il figlio della situazione e il ragazzo si era diretto verso l'appartamento, con un amico: «Adesso vado io a casa e gli dico di smetterla» aveva detto il figlio alla mamma per difenderla. La tensione è salita nell'abitazione, all'arrivo dei due. La guardia giurata, ancora in divisa, ha impugnato l'arma, puntandola verso la donna dopo aver danneggiato mobili e suppellettili. A quel punto è intervenuto il ragazzo che è stato ferito al braccio. Ancor prima il colpo di pistola, i vicini avevano chiamato i carabinieri raccontando che nella via c'erano un uomo in divisa e una donna che litigavano furiosamente. 
 

 

All'arrivo delle pattuglie Di Matteo ha puntato la pistola contro gl agenti. I militari gli hanno intimato di abbassarla e l'uomo, smarrito, si è seduto per terra, ha posata l'arma e si è fatto mettere le manette raccontando che la colpa era del ragazzo che lo aveva aggredito facendo partire un colpo accidentalmente. Versione inverosimile per gli investigatori, tanto che è stato arrestato per tentato omicidio ai danni del ragazzo e di sua madre e per resistenza. 

LEGGI ANCHE Guardia giurata aggredì clochard: arrestato per tentato omicidio

Il ragazzo ha avuto la frattura scomposta di un omero ed è stato portato all'ospedale Niguarda di Milano: ne avrà per due mesi. Il tipo di ferita smentisce la ricostruzione di Di Matteo. I carabinieri stanno verificando se l'uomo abbia deliberatamente sparato al ragazzo oppure se il colpo sia partito nel corso della colluttazione.

Ultimo aggiornamento: 19:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma