Green pass falsi, violati i sistemi sanitari di Lazio, Lombardia ed altre quattro regioni. «Sfruttati i canali di accesso delle farmacie»

Green pass falsi, violati i sistemi sanitari di Lazio, Lombardia ed altre quattro regioni. «Sfruttati i canali di accesso delle farmacie»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 15 Dicembre 2021, 09:28 - Ultimo aggiornamento: 21:27

Green pass falsi acquistati da oltre 120 persone, che non avevano mai ricevuto alcun vaccino né eseguito alcun tampone, aggirando i presidi di sicurezza informatica dei sistemi sanitari di Campania, Lazio, Puglia,
Lombardia, Calabria e Veneto,
ottenuti attraverso intrusioni illegali con i dati rubati alle farmacie. Al momento sono complessivamente 82 le persone indagate nell'ambito dell'inchiesta del pool cyber crime della Procura di Napoli che ha delegato oggi alla Polizia di Stato una serie di perquisizioni finalizzate a fare luce su un complesso sistema criminale, dedito alla messa in commercio di green pass falsi, in grado di superare controlli. Si tratta di 15 persone già iscritte nel registro degli indagati e 67 loro clienti.

Già disabilitati

Con la collaborazione del Ministero della Salute, i falsi green pass individuati sono stati disabilitati, in modo da impedirne ogni ulteriore utilizzo e le pagine web create sono state sottoposte a un sequestro preventivo disposto in via d'urgenza dal Pubblico Ministero. Le perquisizioni e i sequestri, da Nord a Sud, sono stati eseguiti dai vari reparti della Polizia Postale e delle Comunicazioni. 

Viaggi Natale, non basta più il Green pass: come cambiano le regole anche per gli italiani che viaggiano in Europa

Il sistema

Le false certificazioni erano ottenute sfruttando i canali di accesso messi a disposizione delle farmacie per inserire i codici dei tamponi e dei vaccini effettuati e così generare il green pass. 

Gli utilizzatori dei falsi green pass sono stati sinora localizzati nelle province di Napoli, Avellino, Benevento, Caserta, Salerno, Bolzano, Como, Grosseto, Messina, Milano, Monza-Brianza, Reggio Calabria, Roma e Trento, ma sono in corso accertamenti finalizzati a definire il numero reale, che si stima essere assai più ampio, di coloro che si sono rivolti nel tempo all'organizzazione criminale oggetto delle indagini per sfruttarne gli illeciti servizi.

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA