Morto poche ore dopo vaccino Pfizer, Giorgio aveva 52 anni. Il fratello sporge denuncia: «Ha avuto un grave malessere»

Lecco, muore poche ore dopo la prima dose di vaccino Pfizer, Giorgio aveva 52 anni: la famiglia sporge denuncia
2 Minuti di Lettura
Lunedì 31 Maggio 2021, 11:29 - Ultimo aggiornamento: 12:15

È morto venerdì scorso a Erba, in provincia di Lecco, a qualche ora di distanza dalla prima dose di vaccino. L'uomo, ingegnere di 52 anni, si chiamava Giorgio Paganelli. A renderlo noto è il fratello avvocato, Luigi Paganelli di Lissone, in provincia di Monza, tramite un comunicato pubblicato sulla sua pagina Facebook, dove spiega di aver sporto denuncia ai carabinieri e di aver ottenuto l'autopsia sul corpo del 52enne, per risalire alle cause del decesso.

Pfizer, uomo di 42 anni muore mezz'ora dopo il vaccino: avviati accertamenti ad Arona

Il post del fratello avvocato

«Mio fratello Giorgio ha ricevuto la prima dose di vaccino Pfizer intorno alle 11 di venerdì, nel centro di Lariofiere ad Erba - ha scritto Paganelli - era contento di poter finalmente vaccinarsi ed è rientrato a casa dalla compagna dove ha ripreso le normali attività. Verso le 22 dello stesso giorno ha avuto un grave malessere, i medici hanno tentato di rianimarlo ma è morto alle 23».

No vax rifiuta il vaccino, si ammala di Covid e muore a 77 anni all'ospedale San Martino di Genova

«Non aveva patologie pregresse»

Stando al fratello, il 52 enne «non aveva patologie pregresse e nemmeno condizioni critiche di salute particolari». Per appurare cosa sia accaduto, Paganelli ha spiegato di aver sporto denuncia ai carabinieri di Costa Masnaga che, «su ordine del magistrato di turno», il giorno successivo hanno seguito «il trasferimento della salma all'obitorio di Lecco» per l'autopsia. «Non è nostra intenzione accusare nessuno, vogliamo capire cosa sia accaduto - conclude Paganelli - non solo per giustizia verso Giorgio ma anche per la serenità di tutti noi e dei nostri concittadini. Troviamo assurdo che, in una situazione del genere, l'autopsia non sia richiesta d'ufficio dalla Ats».

© RIPRODUZIONE RISERVATA