Gioca una schedina da 2 euro al bar e vince una casa da mezzo milione

Lunedì 3 Febbraio 2020 di Raffaella Gabrieli
Il bar del Cech di Taibon dove è stata giocata la scheda vincente

Taibon (Belluno) baciato dalla fortuna. Il primo premio di “VinciCasa” è infatti arrivato fin sotto le Pale di San Lucano. L’estrazione di sabato sera dei numeri 14, 22, 27, 30 e 37 è stata azzeccata proprio in centro paese, da un cliente del bar “del Cech”. «Quando me ne sono resa conto - afferma la titolare Amalia Lena - erano quasi le 22 di sabato. Al momento, sinceramente, non me ne capacitavo. Ero talmente emozionata che ho dovuto chiedere conferma alla mia dipendente Stefania. Non ho idea di chi possa essere il vincitore ma sono contentissima». 

Superenalotto, centrato il 6: vinti 67 milioni ad Arcola, vicino La Spezia, con una schedina da 2 euro

Gratta e Vinci, incassa 112mila euro: donna ritrovata in strada a camminare in stato di choc

IL GIOCO
Il concorso “VinciCasa”, di recente introduzione, è un po’ il “fratello minore” del Superenalotto. Se in quest’ultimo bisogna indovinare 6 numeri su 90, nel nuovo gioco ne bastano 5 su 40. Ma la probabilità di vincita al gioco VinciCasa è comunque di 1 su 658.008. Una combinazione costa 2 euro: non si sa al momento quante ne avesse giocate il fortunato vincitore. «Mette in palio - spiega la barista Lena - 500mila euro: 200mila vengono dati subito in contanti, 300mila vanno invece impiegati, nel giro di due anni, nell’acquisto di una casa su territorio nazionale». Il vincitore che ha giocato a Taibon si è aggiudicato il premio nella settimana speciale di “Vincesi una casa al giorno” l’iniziativa speciale che ha messo in palio una casa a sera per una settimana, fino al primo febbraio. «Mi sono resa conto della vincita - spiega - dal bollettino vincite che giunge a chiusura di giornata. In esso veniva citata la ricevitoria PD224A di Taibon Agordino. E quindi noi. Ho avuto qualche attimo di mancamento dalla gioia». 

LA VITTORIA 
La schedina vincente è stata convalidata presso il bar “del Cech”. «È stata giocata entro sabato alle 19 - afferma la titolare -, difficile risalire al vincitore. Ieri (sabato) in particolare abbiamo avuto parecchio rigiro: la clientela tradizionale ma anche persone giunte da fuori come turisti o proprietari di seconde case. E poi, grazie a una promozione pensata proprio per quel gioco, in tanti ci hanno provato. Voci su possibili vincitori non ce ne sono in giro; tra l’altro noi alla domenica abbiamo la chiusura settimanale del bar. Attendiamo quindi domani lunedì, alle 7, con la riapertura». 

LOCALE STORICO
Il bar “del Cech” è storico in paese. «Esiste dai primi decenni del Novecento - spiega Lena - La mia famiglia, con quel nonno Cech da cui ha preso il nome, lo acquistò prima della seconda guerra mondiale. E’ stato seguito per tanti anni da mia nonna Oliva e poi è passato di mano ad altri fino a quando, una ventina di anni fa, l’ho preso in gestione io. Di certo questa da mezzo milione di euro è la vincita più alta che abbiamo registrato. Nel passato abbiamo consegnato premi da 10mila euro e prima ancora da 30 milioni di lire. Ma mai, appunto, siamo giunti a queste cifre. Siamo proprio felici per il fortunato giocatore».

Ultimo aggiornamento: 20:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA