Bergamo, assolto in appello Antonio Tizzani: non ha ucciso la moglie Gianna quella notte

Anche in primo grado l'ex ferroviere era stato assolto

Bergamo, assolto in appello Antonio Tizzani: non ha ucciso la moglie Gianna quella notte
2 Minuti di Lettura
Venerdì 7 Ottobre 2022, 19:11 - Ultimo aggiornamento: 19:15

Niente carcere a vita per Antonio Tizzani che è stato assolto dalla Corte d'Appello di Brescia. I giudici hanno dunque confermato la sentenza di primo grado.

Tizzani è stato assolto dall'accusa di omicidio della moglie Gianna Del Gaudio. Il procuratore generale aveva chiesto l'ergastolo. I giudici hanno invece accolto la tesi della difesa.

Tizzani, ex ferroviere, era accusato di aver ucciso la moglie, professoressa in pensione, la notte del 26 agosto 2016 nella loro casa di Seriate, sgozzandola in cucina. In primo grado a Bergamo Tizzani, che si è sempre dichiarato innocente, accusando un misterioso "uomo incappucciato" che sarebbe entrato nella loro casa, era stato assolto con formula piena.

Oggi il sostituto procuratore generale di Brescia Francesco Rombaldoni aveva chiesto l'ergastolo per Tizzani per omicidio volontario nel corso di una requisitoria durata un'ora e mezza, mentre ha chiesto alla Corte l'assoluzione dalle accuse di maltrattamenti. La difesa invece aveva chiesto l'assoluzione. Tizzani non era presente in aula. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA