MATTEO SALVINI

Ponte Morandi, ecco come è esploso: 4 fasi per la demolizione controllata

Venerdì 28 Giugno 2019
8
L'esplosione del Ponte Morandi a Genova

Ci sono voluti poco meno di sei secondi in tutto. Poi, in una nuvola sporca di fango e detriti, le pile 10 e 11 ancora intatte del Ponte Morandi a Genova si sono inginocchiate alla potenza di una tonnellata di esplosivo e sono scomparse nel nulla. Sei secondi ed è fatta, sotto gli occhi dei ministri dell'Interno Matteo Salvini, del Lavoro Di Maio e della Difesa Trenta, accompagnati dal governatore Toti e da un emozionato e stanchissimo sindaco-Commissario Bucci, sotto lo sguardo di decine di telecamere e centinaia di genovesi accorsi a vedere un'esecuzione annunciata: la morte per distruzione di quella che più di ogni altra cosa ha segnato un punto di non ritorno per la città di Genova. 

VIDEO L'esplosione e poi un lungo applauso

Ore 9.35: in ritardo rispetto alla tabella di marcia, nella cabina di regia dentro la galleria sulle colline della Valpolcevera, l'esplosivista Danilo Coppe segnala via radio a Vittorio Omini, responsabile e capofila dell'ati dei demolitori, che è iniziato il lancio di acqua. Un segnale preciso, che ha un solo significato: tutto è pronto per l'esplosione. Dopo 60 secondi, la radio di Omini gracchia ancora. Ci siamo: si sente la voce di Coppe che inizia il conto alla rovescia. Cinque, quattro, tre... fuoco. 
 

 
VIDEO Ecco perché c'è stato un ritardo di 30 minuti

In gergo, quello che Coppe fa nella penombra della galleria è sparare. La «vecchia e fedele» dinamite, come la chiama Coppe, addizionata alla potenza arrogante del semtex, sbriciola il Morandi. Le polveri vengono inghiottite da una bolla d'acqua. Sono le 9.37: è finita. La partita si è giocata su piani diversi: il ricordo del 14 agosto 2018, le lacrime per i 43 morti, la routine strappata degli sfollati e dall'altra il futuro che adesso si può vedere meglio. «Il ponte Morandi da oggi è un ricordo, con l'implosione il cantiere entra nel vivo, da domani si vedrà la trave sul primo pilastro del nuovo ponte di cui stiamo gettando le fondamenta» ha detto Toti. «È andato tutto secondo programma» gli fa eco Marco Bucci. Genova ha vissuto la sua più lunga giornata preparandosi all'evento con meticolosa puntigliosità.

È stato messo in atto uno dei più imponenti piani di sicurezza che, a memoria, si ricordino: oltre 3.200 sfollati, quasi 800 uomini delle forze dell'ordine impegnati, centinaia di volontari di protezione civile, viabilità bloccata ma senza criticità anche sull'autostrada. In questo tourbillon, c'è spazio anche per il sorriso. Come quello che scatena la vicina chiacchierona che dice alla protezione civile che un anziano solo e sordo non avrebbe abbandonato la casa, mentre invece era già in villeggiatura con i figli, impegnando i volontari per lunghi minuti e facendo slittare l'inizio delle operazioni. O come i due cittadini nigeriani che non parlando italiano se ne stavano tranquilli nella loro abitazione a un passo dal ponte fino a quando la polizia non li ha scovati e fatti uscire. Storie.
 

 

Storie che s'intrecciano con quelle di Giovanni, che a 61 anni vede morire il suo "ponte di Brooklyn" alla cui ombra giocava quando era bambino e che non riesce a staccare gli occhi da quel 'vuotò che si è creato dopo l'esplosione. Storie come quelle delle decine di persone che come moderne tricoteuse hanno voluto assistere alla morte annunciata del ponte schierati sulla terrazza-parcheggio di un grande magazzino. No, il Morandi non era invincibile: è stato sbagliato, crudele e assassino ma invincibile no. Adesso restano da abbattere la pila 3, incassata nella collina, la pila 6 che viene tagliata a pezzi e la pila 8 all'ombra della quale sta nascendo il primo pilone del nuovo ponte: che «per ora - ha detto Bucci - chiameremo Ponte per Genova». Poi, perché c'è un futuro tutto da decidere, si vedrà.

Quattro fasi per la demolizione. L'operazione di demolizione controllata delle pile 10 e 11 del viadotto Polcevera è avvenuta in quattro fasi riassunte dalla prefettura di Genova. Fase 1 - per la Campata 11, si è verificato il taglio degli stralli con cariche esplosive direzionali, dette «cariche cave» fornite e posizionate dal IX Reparto «Col Moschin» dell'Esercito. Fase 2 - sia alla Pila 10 che alla Pila 11 è avvenuta l'elevazione di un muro d'acqua in quota attivata da cariche esplosive fino ad una altezza di circa 90 metri, mitigando la diffusione di polveri. Fase 3 - ha consentito l'annullamento delle strutture portanti di entrambe le campate, nonché dei due pilastri che reggevano gli stralli alti circa 92 metri. Per attutire la caduta il terreno sottostante è stato coperto di materiale inerte. Fase 4 - innalzamento di muri d'acqua, alti circa 40 metri, ai lati di entrambe le pile ha consentito un vero e proprio filtro laterale per una parte preponderante delle polveri generate dalla caduta dei manufatti. Tutte le fasi si sono sviluppate nell'arco di 6 secondi, utilizzando circa 500 inneschi elettronici, oltre 500 kg di dinamite e 5000 metri di miccia detonante.

Ultimo aggiornamento: 29 Giugno, 00:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze con i figli: ostaggi della trap in auto e pure delle dritte degli youtuber

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma