«Ti taglio la testa e la metto in valigia», genitore minaccia dirigente dell'Avellino perché non fa giocare il figlio

Il giorno prima un altro genitore aveva insultato un giornalista dell'ufficio stampa tentando di colpirlo con un pugno

«Ti taglio la testa e la metto in valigia», genitore minaccia dirigente dell'Avellino perché non fa giocare il figlio
2 Minuti di Lettura
Lunedì 3 Ottobre 2022, 17:12 - Ultimo aggiornamento: 5 Ottobre, 10:01

«Ti taglio la testa e la metto in valigia». Indaga la Questura di Avellino sulle minacce che un genitore ha rivolto al dirigente del settore giovanile dell'Avellino Calcio, «colpevole», insieme all'allenatore della formazione Under 17, di tenere tra le riserve il proprio figlio.

Vasto, motosega impazzita mentre taglia un albero: odontotecnico muore sotto gli occhi del vicino

Minaccia dirigente dell'Avellino, il messaggio della tifoseria

Il grave episodio è accaduto durante la partita con i pari età della Viterbese, finita 2-2, disputata ieri sul campo di Venticano. Il dirigente, Giuliano Capobianco, ha presentato una denuncia dopo che, in seguito alle minacce, l'uomo ha anche tentato di aggredirlo. Il giorno precedente, sugli spalti del «Partenio-Lombardi», un altro genitore, padre di un ragazzo non più tesserato con l'Us Avellino, aveva insultato e colpito con un pugno, andato a vuoto, un giornalista dell'ufficio stampa, a sua volta accusato di non aver valorizzato le qualità calcistiche del figlio.

La dichiarazione del presidente

Il presidente dell'Us Avellino, Angelo Antonio D'Agostino, ha espresso solidarietà e sostegno ai propri tesserati. Sul caso è intervenuto il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli. «È vergognoso e inqualificabile -scrive- che genitori di giovani calciatori arrivino a minacciare il responsabile del club nel quale gioca il figlio perché quest'ultimo non viene fatto giocare. La Lega Pro condanna senza se e senza ma questi episodi di violenza agli antipodi con i principi fondamentali del nostro calcio. Ci auguriamo -conclude Ghirelli- che la giustizia ordinaria faccia i giusti approfondimenti del caso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA