Frasi sessiste: dopo il Cern, anche l'Istituto di Fisica nucleare sospende Strumia

Frasi sessiste: dopo il Cern, anche l'Istituto di Fisica nucleare sospende Strumia
2 Minuti di Lettura
Martedì 2 Ottobre 2018, 19:08

Dimenticando completamente una signora che si chiama  Fabiola Giannotti, che non sta a casa a fare la maglia ma è la direttrice del Cern, aveva concluso la presentazione di una  sua ricerca con questa frase: «La fisica è stata inventata e costruita dagli uomini, non si entra per invito».

Alla fine si è capito che l'improvvido  Alessandro Strumia, fisico e docente dell'università di Pisa, si era maldestramente sfogato a un workshop organizzato proprio dal Cern a Ginevra,  perché convinto di essere stato scalvalcato da due ricercatrici, secondo lui, meno meritevoli. Umano, forse, professionale, no di certo.  Così  L'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) ha deciso di sospendere immediatamente il fisico in seguito alle dichiarazioni sulle dichiarazioni sulle discriminazioni di genere nella fisica fatte nel convegno High Energy Theory and Gender. 

Il provvedimento, «in attesa del risultato degli approfondimenti sul caso», è stato reso noto dallo stesso ente di ricerca.  «L'Infn - si legge nella nota - ha deciso di procedere alla sospensione immediata dell'associazione con la motivazione che il prof. Strumia ha fatto, per di più in un contesto pubblico internazionale, affermazioni lesive dell'immagine dell'Ente e, cosa ancor più grave, discriminatorie e apertamente lesive della reputazione di ricercatrici e ricercatori dipendenti e associati all'INFN, in violazione delle norme del Codice etico e del Codice di comportamento per la tutela della dignità delle persone dell'Istituto». 
 

Strumia, che prima collaborava anche con il  Cern che però l'ha immediatamente sospeso, ha infatti dimostrato, con grafici e tabelle, che non è vero che le donne siano vittima di discriminazione nella fisica. Al contrario, sono gli uomini a subirla, tanto da finire spesso scavalcati nel fare carriera da colleghe con meno meriti di loro. Lui stesso ne sarebbe un esempio, visto che l'Istituto nazionale di fisica nucleare non lo avrebbe assunto, preferendogli due ricercatrici con meno citazioni. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA