Forza Nuova, il Tribunale rigetta il ricorso contro Facebook: «Legittima rimozione delle pagine»

Lunedì 24 Febbraio 2020

Legittima da parte di Facebook la rimozione delle pagine di Forza Nuova. Il Tribunale di Roma ha respinto il ricorso contro l'oscuramento delle pagine dell'organizzazione di estrema destra, condannandola anche al pagamento delle spese processuali. Esito opposto al ricorso di Casapound, le cui pagine sono state riattivate (con successivo reclamo di Facebook). 

Casapound vince il ricorso contro Facebook. «Riattivare il profilo, penale di 800 euro al giorno»

Il giudice ha motivato il respingimento del ricorso con «la marcata natura negazionista e contrastano quindi con i valori fondamentali della Convenzione dei diritti dell'uomo, quali espressi nel suo Preambolo, ossia la giustizia e la pace. Rileva che il ricorrente tenta di fuorviare l'art. 10 della Convenzione dalla sua vocazione utilizzando il suo diritto alla libertà di espressione per fini contrari alla lettera ed allo spirito della Convenzione». Oltre alle condizioni di Facebook che «tutti gli utenti devono accettare per utilizzare il servizio Facebook. Ciascun utente si impegna a 'non usare Facebook per scopi illegali, ingannevoli, malevoli o discriminatorì e a non 'pubblicare o eseguire azioni su Facebook che non rispettano i diritti di terzi o le leggi vigenti'. Le Condizioni attribuiscono a Facebook Ireland il diritto di rimuovere tali contenuti e di interrompere la fornitura del Servizio Facebook agli utenti che le violino». 

Ultimo aggiornamento: 25 Febbraio, 13:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Casa mia è piena di gente”. E menomale che si chiama isolamento

di Veronica Cursi