Foggia, migrante 20enne ucciso con tre coltellate: colpito con un fendente alla gola, è morto dissanguato

Mercoledì 22 Aprile 2020
Foggia, migrante 20enne ucciso con tre coltellate alla gola: morto dissanguato
Foggia, un migrante 20enne è stato ucciso con tre coltellate: è stato colpito con almeno un fendente alla gola ed è morto dissanguato. Il giovane, originario della Guinea, è stato ucciso con tre coltellate la scorsa notte nella baraccopoli che si trova nelle campagne di San Severo. Secondo una prima ricostruzione, a colpirlo con tre fendenti, dopo una lite per futili motivi, sarebbe stato un connazionale che attualmente si trova nella caserma dei carabinieri per l'interrogatorio.

Coronavirus fase 2, Regioni: riapre chi ha i requisiti

Coronavirus, l'immunologo Le Foche: «Covid19 si spegne da solo. A maggio usciremo e potremo andare in vacanza in Italia»



A quanto si apprende, il nome della vittima è Algassimou Bah. Almeno una delle tre coltellate inferte dal connazionale lo avrebbe colpito alla gola, facendolo morire dissanguato. L'omicidio sarebbe avvenuto verso le tre del mattino, al culmine di una lite tra vittima e il presunto omicida. Ad allertare il personale del 118 sono stati alcuni migranti che risiedono nel 'ghettò e che hanno assistito all'omicidio. Gli operatori sanitari hanno informato i carabinieri.
Ultimo aggiornamento: 11:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA