Figlio gay, i genitori non lo accettano: botte e sequestro, poi lo spediscono sul Mar Nero

Martedì 1 Ottobre 2019
Figlio gay, i genitori non lo accettano: botte e sequestro, poi lo spediscono sul Mar Nero (Photo by Madalena Veloso on Unsplash)

PADOVA - I genitori non accettavano la relazione gay del figlio, per questo lo hanno picchiato e lo hanno costretto a lasciare gli studi ed andare a vivere dai parenti sul Mar Nero. Una storia incredibile che ha portato a processo i genitori del ragazzo, due bulgari.

Papa Francesco riceve il gesuita americano di riferimento del popolo Lgbt e scoppia la polemica

La Procura della Repubblica di Padova ha chiesto il processo per la coppia di genitori bulgari e una terza persona, loro connazionale, le accuse sono di sequestro di persona, lesioni e violenza privata. La vittima, il figlio della coppia, aveva intrapreso una relazione omosessuale con uno studente italiano, con cui il ragazzo conviveva a Padova, dove frequentava l'università.

Per questo nel maggio del 2016 i tre, giunti a Padova, si sono recati nell'appartamento che i due giovani condividevano e qui avrebbero picchiato il giovane convivente padovano, costringendo il figlio a seguirli e ad abbandonare gli studi per andare a vivere da parenti, in un paese sul Mar Nero. La parola passa al giudice per le udienze preliminari.

Ultimo aggiornamento: 11:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma