Lanciò la figlia di 6 anni dal balcone dopo la separazione dalla moglie, condannato a 20 anni

Mercoledì 2 Ottobre 2019
1
Lanciò la figlia di 6 anni dal balcone dopo la separazione dalla moglie, condannato a 20 anni

Lanciò la figlia di 6 anni dal balcone dopo la separazione dalla moglie e per quel gesto, e per aver poco prima accoltellato alla gola l'altro figlio di 14 anni, è stato condannato a 20 anni. Il gup del tribunale di Taranto Vilma Gilli ha condannato con il rito abbreviato a 20 anni di carcere il 50enne che il 7 ottobre del 2018 lanciò dal balcone del terzo piano la figlia di 6 anni, dopo l'ennesimo litigio avvenuto telefonicamente con la moglie, da cui era separato, e dopo aver accoltellato alla gola l'altro figlio di 14 anni, che riportò ferite con prognosi di 15 giorni. Ben più gravi le condizioni della bimba, sottoposta a diversi interventi chirurgici e dichiarata fuori pericolo solo dopo diverse settimane.

Lancia la figlia nel vuoto, le parole del papà all'ex compagna: «Oggi faccio una strage»

Gettata dal terzo piano dal papà a Taranto, la piccola è uscita dal coma

L'uomo è accusato di tentato omicidio aggravato, maltrattamenti, lesioni gravissime e resistenza a pubblico ufficiale. L'aggressione avvenne in un comprensorio di case popolari del rione Paolo VI di Taranto, nell'abitazione della nonna paterna alla quale erano stati affidati i due fratelli dopo la separazione dei genitori.

I carabinieri dovettero sottrarre il 50enne, con precedenti per maltrattamenti in famiglia, al linciaggio di decine di persone inferocite. Al momento dell'aggressione in casa c'erano la madre dell'uomo, suo fratello e un nipote.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La Roma di Max Pezzali: questa città è difficile, ma ci vivrei

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma