FEMMINICIDIO

Femminicidio, uccise la madre di sua figlia. Condannato lo Stato a 60.000 euro di risarcimento

Venerdì 26 Febbraio 2021
Femminicidio, uccise la madre di sua figlia. Condannato lo Stato a 60.000 euro di risarcimento

Uccise la madre di sua figlia e fu condannato per femminicidio: ora lo Stato dovrà risarcire la donna con 60.000 euro. Accade a Roma, dove il giudice della Seconda sezione civile di Roma ha condannato la Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Ministero della Giustizia a indennizzare la figlia della vittima - con gli interessi legali della causa - il cui padre era stato condannato in via definitiva dalla Corte di Assise di Appello di Cagliari per l'omicidio di sua madre.

Ilenia Fabbri, tutti i misteri: dall'assenza di impronte al garage trovato aperto

Il risarcimento

L'indennizzo è stato stabilito in base al Decreto del 22/11/2019, che riguarda la «determinazione degli importi dell'indennizzo alle vittime dei reati intenzionali violenti», quantificato per «il delitto di omicidio commesso dal coniuge, anche separato o divorziato, o da persona che è o è stata legata da relazione affettiva alla persona offesa, nell'importo fisso di euro 60.000 esclusivamente in favore dei figli della vittima».

Ferrara, donna di 50 anni uccisa in casa con colpi alla testa: fermato il compagno

I ritardi

Al Decreto si è arrivati dopo la direttiva europea che istituiva un indennizzo a favore delle vittime di reati violenti e volontari, «laddove risulti impossibile ottenere il risarcimento del danno dagli autori dei delitti». La direttiva, ha aggiunto il giudice è stata «tardivamente trasposta nell'ordinamento» italiano con alcuni limiti ed è stata «integralmente attuata» solo con una legge del 2016.

Ferrara, donna di 50 anni trovata morta in casa a Bondeno: ipotesi omicidio

Il ricorso in appello

L'avvocato milanese Claudio Defilippi, che assiste la figlia della vittima, ricorrerà in appello in quanto, a suo avviso, la cifra «standard» di 60mila euro non tiene conto delle diverse circostanze in cui si trovano i famigliari delle vittime e l'omicida. Filippi ha chiarito che il ricorso al giudice è necessario in quanto «non vengono risposte» dalle Prefetture presso cui è istituito il fondo per gli indennizzi dei famigliari stessi che vi potrebbero ricorrere in via amministrativa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA