CORONAVIRUS

Fase 2, De Micheli: «Uffici con orari flessibili». Moda, auto e metallurgia verso riapertura

Lunedì 13 Aprile 2020
Fase 2, De Micheli: «Uffici con orari flessibili e nuove tecnologie per controllare il riempimento dei bus»

Coronavirus, per la fase 2 il ministro dei trasporti Paola De Micheli ipotizza uffici con orari flessibili e nuove tcnologie per controllare il riempimento dei bus. Ci sarà un modo diverso di prendere i mezzi pubblici nella fase 2? «Credo di sì: la fase 2 la stiamo ancora pensando e valuteremo anche in base ai dati sanitari. Ma dovremo immaginare una società dove non tutti vanno e tornano a lavorare allo stesso orario, a orari flessibili soprattutto negli uffici pubblici. E poi dobbiamo immaginare l'applicazione delle nuove tecnologie ad esempio per verificare il livello di riempimento di un bus per valutare le capienze massime». Così il ministro dei Trasporti Paola De Micheli a Un giorno da pecora.

Posti di blocco sul Muro Torto a Roma, i controlli di Pasquetta

Coronavirus, quarantena in casa Raggi: la sindaca taglia i capelli al marito

Moda, settore auto e metallurgia: allo studio l'anticipo dell'apertura. Far ripartire alcune attività prima della fine del lockdown, magari già dalla prossima settimana, partendo da alcune filiere nelle quali il lavoro si può con più rapidità riorganizzare in sicurezza: è una delle ipotesi cui lavora il governo per preparare con 'gradualità' la fase 2. Tra le 'candidatè a riaprire i cancelli, secondo quanto apprende l'ANSA, ci sarebbero le filiere della moda, l'automotive e della metallurgia. Al momento si tratterebbe solo di ipotesi, da valutare anche con le parti sociali.

De Micheli: «Sul bus solo seduti? Vedremo». Negli autobus si occuperanno solo i posti a sedere, senza posti in piedi? «Non siamo arrivati a questo livello di approfondimento». Così risponde la ministra dei Trasporti Paola De Micheli a Un giorno da pecora. «Di certo - aggiunge - il Covid possiamo affrontarlo innanzitutto col distanziamento sociale e questo sul modo di muoversi avrà delle conseguenze».

I ricercatori: fase 2 con test e geolocalizzazione. Identificare precocemente le persone positive al nuovo coronavirus con test molecolari e sierologici di massa, obbligo per tutta la popolazione che abbia contatti con il pubblico di indossare mascherine filtranti e protettive e utilizzo dei dati elettronici per tracciamento e geolocalizzazione fino al termine dell'emergenza: è quanto il mondo scientifico chiede al governo nell'appello di 150 ricercatori. Tra i firmatari il fisico Alberto Aloisio dell'università Federico II di Napoli, Ida Nicotra, dell' Autorità nazionale anticorruzione (Anac), il presidente Consiglio Universitario Nazionale (Cun) Antonio Vicino, il presidente dell' Istituto Nazionale Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (Ogs) Nicola Casagli, Giuseppe già capo dipartimento della Ricerca del ministero per l'Istruzione, Uniersità e Ricerca, il coordinatore area Intelligenza Artificiale per il Piano Nazionale della Ricerca , Pierluigi Contucci, il genetista Paolo Gasparini dell'università di Trieste, il cardiochirurgo Gino Gerosa dell'università di Padova.

Nell'appello i ricercatori chiedono che «si realizzi urgentemente una campionatura rappresentativa della popolazione per comprendere la reale estensione del contagio e la letalità del virus» e la «progressiva adozione di misure alternative all'isolamento domiciliare generalizzato, all'interno di una chiara strategia di contenimento della diffusione del virus» e « in particolare il ricorso al tracciamento puntuale del contagio». Chiedono inoltre «l'identificazione precoce dei positivi con indagini molecolari e sierologiche di massa, »l'avvio di una produzione su larga scala del materiale necessario per le indagini molecolari e sierologiche« e l'obbligo per tutta la popolazione che abbia contatti con il pubblico di indossare mascherine filtranti e protettive».

L'appello sollecita inoltre «la sospensione - ai sensi e nel rispetto degli articoli 9, comma 2 e 23 del GDPR e del Considerando n. 73 del GDPR-, fino al termine della emergenza, con apposito decreto legge, del diritto alla privacy e della limitazione all'utilizzo dei dati elettronici allo esclusivo fine della adozione delle misure necessarie al tracciamento, alla eventuale geolocalizzazione, a rilevazioni epidemiologiche, e alla ricerca. Contestuale previsione della distruzione dei dati così raccolti al termine dell'emergenza fissato per legge». Si chiede inoltre «l'indicazione di tempi certi a partire dai quali i diritti costituzionali alla libertà di movimento, di riunione e di libera iniziativa privata vengano ristabiliti garantendo condizioni di sicurezza per lavoratori e cittadini» e infine «la condivisione e la pubblicizzazione del piano di governo per il contenimento dell'epidemia e la gestione della fase 2 con modalità tali da rendere aperto il confronto con tutta la comunità scientifica nazionale».

Mit: prorogate al 3 maggio le misure di riduzione della mobilità. La ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli ha firmato, di concerto col ministero della Salute, un decreto che prolunga fino al 3 maggio l'efficacia di alcune misure finalizzate ad una forte limitazione della mobilità delle persone sul territorio italiano e del trasporto dei passeggeri attraverso i diversi vettori e armatori, per far fronte all'emergenza coronavirus e contrastare la diffusione della malattia. Le limitazioni riguardano il settore del trasporto aereo, ferroviario, automobilistico e marittimo.

 

 

 
 

Ultimo aggiornamento: 19:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA