CORONAVIRUS

Parrucchieri e bar, ipotesi riaperture regionali il 18. Conte: «Negozi, valutiamo di anticipare le date»

Mercoledì 6 Maggio 2020
1
Fase 2 bar e ristoranti, parrucchieri e estetisti, Boccia: «Aperture dal 18 rispettando linee guida Inail»

Coronavirus, ​Fase 2 per bar e ristoranti, parrucchieri ed estetisti: il premier Giuseppe Conte nell'incontro con Rete Imprese Italia ha detto di non voler protrarre il lockdown e di valutare la riapertura dei negozi. «Dal Governo non c'è alcuna volontà di protrarre questo lockdown residuo». Così Giuseppe Conte sulla vendita al dettaglio e gli esercizi commerciali, nell'incontro con Rete Imprese Italia. «Se c'è la possibilità di anticipare qualche data, possiamo anche valutare delle aperture ulteriori», ha aggiunto.

In mattinata il ministro Francesco Boccia, parlando a l' 'Aria che tira' su La7, aveva anticipato che ci potranno essere «aperture dal 18 maggio rispettando le linee guida Inail». Riferendosi agli appelli ricevuti per le riaperture da bar e ristorantiparrucchieri ed estetisti, il ministro per gli Affari Regionali e l'Autonomia, Francesco Boccia ha detto: «Faccio un appello ai titolari di bar e ristoranti, loro che sono uno dei simboli di un certo modo di essere italiani: noi, come governo, ci siamo, stiamo lavorando per metterli in sicurezza e consentire loro di riaprire senza rischi».

Fase 2, via libera dalla Camera a messe dopo accordo con Cei

Virus, Santelli non cede a Boccia: «Bar e ristoranti aperti in Calabria»

 

«Le misure che abbiamo messo in campo negli ultimi 35-40 giorni - ha aggiunto Boccia - sono un'assoluta novità per il nostro Paese. Il Paese con tantissimi sacrifici sta cercando di superare una grave emergenza sanitaria e oggi i dati sono rincuoranti, per questo serve ancora tanto senso di responsabilità. Ora stiamo lavorando su bar, ristoranti e parrucchieri, ma bisogna aspettare le linee guida dell'Inali per consentire loro di operare in sicurezza, perché sono attività a rischio 'contatto fisico'».

Boccia: «Le Regioni rispettino le linee guida dell'Inail». Per le riaperture «tutti noi vogliamo arrivare alle differenziazioni territoriali. Dal 18 maggio molte attività potranno riaprire, ma lo si dovrà fare in sicurezza, e le Regioni che decideranno di farlo senza il rispetto delle linee guida Inail se ne assumeranno la responsabilità». Lo ha sottolineato il ministro per gli Affari Regionali, Francesco Boccia, parlando a l'Aria che tira su la7.

Sul fronte invece delle lamentele giunte da più parti per l'arrivo a singhiozzo degli aiuti per i lavoratori autonomi, Boccia ha ricordato che «l'Inps ha erogato i 600 euro a tutti coloro che hanno presentato domande corrette, ma evidentemente ci sono stati problemi a chi le ha inviate con Iban sbagliati o addirittura a chi ha presentato doppie richieste. Invece sulla Cassa Integrazione ci sono delle Regioni che hanno presentato prima le domande e altre che lo hanno fatto dopo, a questo punto - ha concluso Boccia - chiedo a tutti di avare un po' di pazienza».

Toscana, Giani: «Pronti per aprire i negozi l'11 e poi bar e ristoranti il 18». «Spero che il prossimo decreto del governo, il cosiddetto decreto Maggio, che si sta trascinando da alcuni giorni, tenga conto, nel fissare le regole per la fase 2, della situazione sanitaria nelle diverse realtà regionali. Penso, ad esempio, che in Toscana si potrebbe anticipare la riapertura di alcune tipologie di attività che invece il governo fissa in date uguali per tutto il territorio nazionale». Lo afferma il presidente del Consiglio regionale della Toscana, Eugenio Giani, che in questi giorni di lenta e progressiva ripresa delle attività, dopo il lockdown imposto dall'emergenza Covid 19, è in costante contatto con amministratori locali e soggetti economici della Toscana.

In vista del nuovo decreto, il presidente Giani invita il governo a tener di conto di due necessità fondamentali: «definire le riaperture con un calendario differenziato tra le regioni e occuparsi da subito del settore del turismo». Rispetto alle riaperture di alcune attività, il presidente dell'Assemblea Toscana auspica che «il decreto valorizzi misure di carattere regionale, perché in rapporto alla situazione sanitaria delle singole regioni ciò che è stato finora prospettato è penalizzante per alcuni territori. Non appare congruo, infatti, che valgano le stesse regole sia per la Toscana, che oggi registra solo 26 nuovi contagi, che per la Lombardia e il Piemonte dove i casi di nuovi contagi sono ancora centinaia».

Sulla base di ciò, e sempre in presenza delle misure di sicurezza necessarie, Giani avanza la proposta che in Toscana bar e ristoranti, così come i parrucchieri e i saloni per la cura della persona, possano riaprire lunedì 18 maggio e non il primo di giugno come annunciato dal governo; per il commercio al minuto propone di anticipare a lunedì 11 maggio la riapertura del commercio al minuto, per ora prevista, invece, per lunedì 18 maggio. Riguardo al settore del turismo, il presidente Giani afferma «che non è pensabile che ad oggi non siano ancora state definite le linee guida per consentire di poter organizzare la prossima stagione balneare ai concessionari degli stabilimenti e ai Comuni per quanto riguarda a fruizione, in sicurezza, dlle spiagge attrezzate così come delle spiagge libere». Secondo Giani è dunque possibile anticipare la ripresa su base regionale. «Ci sono le condizioni - spiega, - perché il paese sta affrontando bene, in qualche caso anche brillantemente, l'emergenza sanitaria. Quindi è giusto far ripartire la realtà sociale, economica e civile, perché ogni giorno di attesa in più rischia di far pagare a tutti i cittadini un pedaggio troppo alto all'emergenza».

Abruzzo, parrucchieri ed estetisti riaprono dal 18 maggio. Potranno riaprire il 18 maggio in Abruzzo le attività delle imprese artigianali nei servizi alla persona, seguendo un rigido protocollo per garantire la salute dei clienti: via libera dunque ad acconciatori, estetisti, tatuatori e centri benessere. Lo stabilisce l'ordinanza numero 56 del presidente della Regione, Marco Marsilio, con cui si adottano nuove disposizioni anche per esercizi commerciali e mercati. Il provvedimento riguarda inoltre la manutenzione di camper e roulotte. Per le attività commerciali e vendita al dettaglio, dal 6 al 17 maggio confermate le disposizioni relative all'asporto e alla consegna a domicilio, rimane il divieto di consumo di cibi e bevande dentro i locali o nelle immediate vicinanze. Non vige il divieto di svolgimento del mercato settimanale nei Comuni in cui è fissato in un giorno festivo o se cade nel giorno del santo patrono. Prosegue per altre due settimane la chiusura degli esercizi commerciali del settore alimentare la domenica. «La Regione Abruzzo ha inteso indicare la data del 18 maggio, in linea con molte altre regioni e in un clima di leale collaborazione istituzionale con il Governo, al quale le Regioni hanno chiesto di modificare e accelerare i calendari di apertura di alcune attività - sottolineato Marsilio - Il confronto con il Governo proseguirà anche nei prossimi giorni attraverso la Conferenza delle Regioni, confronto che porterà ad accogliere queste richieste o quantomeno far perseguire alle Regioni un percorso diversificato in base alle diverse situazioni».

Alto Adige accelera la Fase 2: venerdì aprono negozi, lunedì anche bar e parrucchieri. La via altoatesina alla fase 2 dell'emergenza coronavirus passa da una legge che approderà domani al consiglio provinciale di Bolzano. L'accelerata viene giustificata con i dati positivi (nessun decesso e solo un nuovo caso nelle ultime 24 ore). Mentre si avvicina la ripresa, in anticipo anche sul resto del Paese, delle attività economiche bloccate da due mesi di lockdown, affiora, però, quale preoccupazione. Riguarda soprattutto la possibile mancata copertura assicurativa dell'Inail ai lavoratori dei settori coinvolti nella ripartenza, ma il governatore Arno Kompatscher tranquillizza. La tabella di marcia messa a punto dalla Provincia di Bolzano, anche sulla spinta delle categorie economiche, prevede, subito dopo l'approvazione della legge, probabilmente da venerdì 8 maggio, la riapertura delle attività commerciali e produttive nei settori industria e artigianato. Dall'11 maggio toccherà a parrucchieri, barbieri ed estetisti e anche ai servizi di ristorazione ed ai bar. Dalla stessa data potranno riaprire anche le attività culturali, compresi musei e biblioteche.

Il 25 maggio è invece la data fissata per la riapertura delle strutture ricettive turistiche presenti sul territorio provinciale e per gli impianti a fune. Presupposto della ripresa, viene ripetuto dalle autorità locali, è il rispetto delle misure di sicurezza sau igiene e distanziamento. Non mancano, però, le preoccupazioni, alimentate anche dalla visita a Bolzano del ministro delle regioni, Francesco Boccia, che ha confermato che l'accelerazione sulla fase 2 della Provincia di Bolzano non ha la benedizione del governo. Ecco, allora, i timori espressi in ambito imprenditoriale e sindacale su una possibile mancata copertura da parte dell'Inail dei settori che, in Alto Adige, anticiperanno la ripartenza. «Riteniamo che si debba ripartire in sicurezza e con gradualità e con tutte le tutele, compreso l'Inail - ha detto il segretario provinciale della Uil-Sgk, Toni Serafini - Si può aspettare ancora una settimana. La salute e la sicurezza al centro». «Imprenditori e datori di lavoro supportano l'iniziativa legislativa in corso della Provincia, ma chiedono chiarezza per capire se si può ripartire con regole ben precise e garanzie, compresa la copertura dell'Inail», ha sottolineato il presidente provinciale della Cna-Unione artigiani e delle piccole e medie imprese, Claudio Corrarati, che vede «il rischio di responsabilità civile e penale a carico delle aziende in caso di contagio sul lavoro». «La preoccupazione è infondata - è la risposta del presidente altoatesino, Arno Kompatscher - nella legge abbiamo previsto standard di sicurezza più rigorosi delle norme minime concordate finora con l'Inail oltre che delle bozze per i settori finora non regolamentati».

 

 

 
 

 

Ultimo aggiornamento: 7 Maggio, 12:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani