Zona gialla (ancora per poco), cosa posso fare oggi? Spostamenti, shopping, regole e divieti

Zona gialla (ancora per poco), cosa posso fare oggi? Spostamenti, shopping, regole e divieti
di Diodato Pirone
2 Minuti di Lettura
Giovedì 14 Gennaio 2021, 07:25 - Ultimo aggiornamento: 13:56

Quella di oggi sarà probabilmente una delle ultime giornate in "giallo rafforzato" per molte Regioni, Lazio compreso. E' assai probabile infatti che fin da domenica gran parte dell'Italia si colori di arancione, ovvero del colore (e delle regole più restrittive)  che già interessa Lombardia, Emilia, Veneto, Calabria e Sicilia.

Zona arancione nel Lazio, cosa cambia: bar e ristoranti chiusi, no asporto dopo le 18

Che cosa possiamo fare oggi? Abbiamo provato a schematizzarlo in otto regole:

1)

Intanto bar e ristoranti resteranno aperti fino alle 18 e poi potranno fare attività di asporto. In zona arancione resteranno chiusi e in attività solo per l'asporto. Con le regole che scatteranno fra qualche giorno i bar non potranno più fare asporto dopo le 18.

2)

Tutti i negozi sono regolarmente aperti oggi. Se scatterà l'arancione - nei prossimi giorni - resteranno invece chiusi ad eccezione degli alimentari, delle edicole e delle farmacie.

3)

E' possibile andare a trovare amici e parenti ma una volta al giorno, al massimo in coppia e con figli con meno di 14 anni.

4)

Possiamo muoverci liberamente e senza autocertificazione solo dentro i confini della nostra Regione. Con l'arancione invece  non si può uscire dai confini comunali.

5)

Possiamo ovviamente andare nella seconda casa ma sempre e solo se si trova nella Regione di residenza. Questo diritto dovrebbe essere preservato anche nella eventuale futura zona arancione.

6)

E' sempre possibile tornare nella casa di residenza o di domicilio anche se ci si trova in una Regione a zona arancione.

7)

Possiamo prendere bus e metropolitane ma  stando molto attenti a mantenere il distanziamento e le mascherine.

8)

Non possiamo infrangere il coprifuoco e quindi dalle 22 alle 5 si sta tutti a casa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA