Farmacista 37enne trovata morta in casa, il figlio piccolo dormiva nella stanza accanto: giallo a Castelfranco

Serena Fasan, 37 anni
di Maria Elena Pattaro
3 Minuti di Lettura
Giovedì 26 Agosto 2021, 10:22 - Ultimo aggiornamento: 12:37

Rientrando a casa il compagno contava di essere accolto dal suo sorriso. Invece ieri pomeriggio, 25 agosto, la porta dell’appartamento si è spalancata su una tragedia, i cui contorni restano ancora da chiarire. Serena era a terra, esanime. Non dava più segni di vita. Accanto a lei il cellulare con cui forse aveva cercato di chiedere aiuto. Ettore, il loro bimbo di 2 anni e mezzo, dormiva. 

Tiziana Cantone, il perito del delitto Meredith: «Niente suicidio, fu strangolata»

MORTE SOSPETTA
E’ giallo sulla morte di Serena Fasan, farmacista di 37 anni. La giovane donna è stata trovata morta nella sua abitazione, un appartamento di via Ponchini a Castelfranco Veneto. A dare l’allarme, verso le 18.30 è stato il compagno. I soccorsi sono stati tempestivi ma il medico non ha potuto fare altro che constatare il decesso della giovane donna, che sembrava godere di buona salute. Sul corpo non ci sarebbero segni di violenza. Porte e finestre non mostrano tracce di effrazione, il che porterebbe a escludere l’ipotesi della rapina. In casa non sarebbero state trovate neppure tracce di sostanze che la farmacista potrebbe aver assunto e che potrebbero essere in qualche modo correlate al decesso. In via Ponchini sono intervenuti i carabinieri del nucleo investigativo di Castelfranco Veneto. E il medico legale, che da una prima rapida ispezione non ha riscontrato segni di violenza. Sarà l’eventuale autopsia a fugare i dubbi di una morte che per ora resta un enigma. Il decesso potrebbe essere riconducibile a un malore improvviso, ma gli inquirenti non escludono nessuna pista. La salma di Serena è stata trasferita all’obitorio di Treviso, a disposizione dell’autorità giudiziaria. 

Milano, muoiono travolte dalla mietitrebbia. Il giallo dell'ultima chiamata: ci hanno investite. Fermato un uomo: non le ho viste

IL DRAMMA
La 37enne lavorava nella farmacia “Alla fonte della salute” di Castelfranco, all’interno del supermercato Coop. In serata è arrivato sul posto anche il sindaco Stefano Marcon, addolorato di fronte a una morte improvvisa dai contorni ancora tutti da chiarire. Serena amava il suo bimbo: basta scorrere i suoi profili social per imbattersi in foto e post carichi di affetto e di orgoglio materno: il piccolo Ettore ha spento due candeline lo scorso dicembre: «Buon compleanno amore mio, sei la gioia di mamma e papà» - scriveva la giovane mamma. Da oggi quel bimbo dovrà fare i conti con un vuoto incommensurabile.

Un cadavere tra gli ulivi, il sospetto: nascosto dopo il rave del Viterbese
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA