Fareambiente: no a divisioni, serve rete per promuovere “cultura” energia

Mercoledì 3 Luglio 2019
Bisogna guardare a un “orizzonte nuovo”, capace di stimolare, nei più piccoli così come nei cittadini più avanti con gli anni, una vera e propria “cultura dell’energia”. Attraverso innanzitutto la sostenibilità ambientale, che fa rima con l’abbassamento delle emissioni di Co2, nell’ottica di un “piano resilienza” che ci spinga ad “adattarci ai cambiamenti climatici”. È quanto emerso dal convegno organizzato da Fareambiente, in collaborazione con Enel, tenutosi stamattina al Senato. Un incontro che è servito a individuare elementi di sintonia e strategie condivise per un’azione mirata, grazie anche al confronto diretto con diversi parlamentari.

«I cambiamenti climatici rappresentano oggi una delle principali problematiche che stanno caratterizzando lo scenario politico internazionale – ha rimarcato Vincenzo Pepe, presidente nazionale di Fareambiente -, contrapponendo due correnti di pensiero. Da un lato chi dà la colpa esclusiva dei danni prodotti dai cosiddetti cambiamenti climatici all’attività antropica dell’uomo, dall’altro una corrente più moderata e razionale che cerca nella scienza anche altri responsabili. Fareambiente si pone nella linea razionale, soprattutto in considerazione della necessità di cessare la sterile la caccia alle streghe, cercare a tutti i costi un responsabile – attività che non comporta la risoluzione del problema - ma impegnarsi per trovare le soluzioni».

«Sono convinto che, se vogliamo garantire un futuro benevolo per noi, per la fauna e la flora della Terra, è il caso di provare a trasformare le possibili minacce dei cambiamenti climatici in utili opportunità globali. Come? Ragionando, verificando, sperimentando, utilizzando cioè quella specificità culturale che ci contraddistingue e adottando lo schema della resilienza», ha sottolineato il leader di Fareambiente. «Bisogna certamente continuare a lavorare sulle tecnologie e gli strumenti messi in campo per lo sviluppo dell’efficienza energetica, ma allo stesso tempo occorre efficientare il sistema di collaborazione tra aziende e istituzioni, per realizzare un obiettivo comune: ottenere un miglior utilizzo delle fonti energetiche». È questa la sintesi proposta da Massimo Bruno, responsabile Sostenibilità e Affari istituzionali di Enel Italia, convinto dell’importanza di “fare rete”, obiettivo «ancora più importante dello sviluppo tecnologico». Ecco perché – ha sottolineato - «bisogna superare le possibili divergenze tra i diversi soggetti e lavorare tutti nella stessa direzione…».  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani