DONNE

Falsi profili sexy sul web, adescavano le vittime poi le ricattavano: 4 arresti

Giovedì 11 Luglio 2019

La polizia di Stato di Genova ha arrestato quattro persone accusate di estorsione aggravata. Secondo gli investigatori della squadra mobile, agli ordini del primo dirigente Marco Calì, i quattro (tutti residenti in provincia di Napoli) creavano falsi profili social con identità fittizie a cui venivano abbinate fotografie di giovani donne di bell'aspetto. Dietro i profili si nascondeva il malvivente che li aveva creati il quale, dopo aver stretto virtualmente amicizia tramite il social network ed effettuato qualche conversazione on line, intentava una strategia ricattatoria che si concludeva con la richiesta di una somma di denaro.

LEGGI ANCHE....> Venezia, il selfie hot della turista in bilico sulla finestra dell'hotel

I malviventi ricontattavano le vittime fingendo di essere appartenenti alle forze dell'ordine, inducendoli a credere di aver avuto contatti virtuali con minorenni, quindi li minacciavano di denunciarli se non avessero pagato. Le vittime venivano scelte dal gruppo dopo aver esaminato le informazioni reperibili in rete. Una delle due vittime che abita nel Tigullio avendo la disponibilità di consistenti somme di denaro è rimasta soggiogata agli aguzzini per circa tre anni, corrispondendo circa trecento mila euro. L'altra vittima è un commerciante della provincia di Pavia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma