Esplosione nel Casertano, crolla palazzina: muore un uomo, sopravvive la moglie «Fuga di gas»

Esplosione nel Casertano, crolla palazzina: «Fuga di gas». Persone sotto le macerie
2 Minuti di Lettura
Venerdì 19 Novembre 2021, 09:12 - Ultimo aggiornamento: 18:23

È costato la vita a un pensionato di 74 anni l'esplosione che questa mattina ha svegliato Cancello Scalo (Caserta): alle 6.45 è crollata un'abitazione in via Napoli lungo la quale hanno tremato tutte le case per la potenza della deflagrazione. 

Verso le 13, con mille difficoltà, scavando un tunnel fra le macerie, è stata portata in salvo Giuseppina Sgambato, anche lei di 74 anni, ustionata e contusa ma non in pericolo di vita: si è salvata perché lo scoppio l'ha proiettata in una zona della casa riparata dalle travi di sostegno del tetto. Nulla da fare, invece, come si era subito temuto, per il marito Mario. L'uomo è stato travolto dal crollo di due solai.

Potrebbe essere una fuga di gas il motivo dell'esplosione.  Lui era un volontario della protezione civile cimunale. La moglie è molto attiva come volontaria nella parrocchia poco distante Sant'Alfonso Maria de' Liguori di Cancello Scalo. 

Gli oltre 50 vigili del fuoco di Caserta hanno impiegato oltre tre ore per estrarla dopo averla localizzata sotto le macerie, scavando con le mani per non provocare altri crolli e attraverso il fondamentale fiuto dei cani molecolari. Alla donna è stato dato anche l'ossigeno.

La giovane coppia scampata alla morte

Una giovane coppia con un bimbo era pronta a trasferirsi nel piano superiore della palazzina. E' il sindaco di San Felice a Cancello Giovanni Ferrara a rivelare la circostanza, che rappresenta «una fortuna in una tragedia immane». I due pensionati, i cui figli vivono ad Acerra e Aversa, avevano deciso di fittare il piano superiore ad un nucleo familiare con un bimbo piccolo; la giovane coppia era quasi pronta a trasferirsi, lo avrebbe fatto in questi giorni. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA