Esorcismo a Vicenza, urla bestemmie nel Santuario di Monte Berico: giovane donna si riprende dopo un rito di 12 ore. Chiamati i carabinieri

Intorno alle 20.30 la giovane è svenuta. Segnale interpretato come la liberazione definitiva dal diavolo

Esorcismo a Vicenza, 26enne irrompe bestemmiando nel Santuario di Monte Berico: fedeli spaventati chiamano la polizia
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 8 Dicembre 2021, 17:26 - Ultimo aggiornamento: 10 Dicembre, 08:40

Quasi 10 ore di preghiere per liberarla dal Diavolo. Tanto è durato l'esorcismo praticato da Padre Giuseppe Bernardi, domenica scorsa a Vicenza, nel Santuario di Monte Berico. Una 26enne aveva raggiunto la basilica con i suoi genitori verso metà mattina, ma soltanto a sera, intorno alle 20.30, è svenuta e l'esorcista ha terminato il rito. L'evento ha scosso l'intera comunità di fedeli, che allarmati dalle grida, mentre era in corso l'esorcismo, hanno chiamato la polizia.

La vicenda

«Era una possessione diabolica», queste le parole di Don Bernardi, sacerdote esorcista del Santuario di Monte Berico, raccolte oggi dalla stampa locale e nazionale. Tre giorni fa, intorno alle 10.30 una giovane tenuta sotto braccio dai suoi genitori ha fatto ingresso nella cappella delle penitenze. Poco più dietro l'altro figlio della coppia.

Stando a quanto raccontato dal sacerdote, la ragazza avrebbe chiesto di potersi confessare ma, subito dopo, avrebbe reagito improvvisamente con gesti incontrollati e bestemmie. «Urlava e bestemmiava. La presenza del maligno era visibile», ha raccontato oggi ai giornalisti Carlo Maria Rossato, priore e rettore del santuario di Monte Berico. Vista la situazione il sacerdote ha quindi deciso di far uscire tutti i fedeli dalla chiesa per iniziare le pratiche e le preghiere di liberazione dal male.

Covid, riprendono i corsi di aggiornamento per esorcisti: una lezione anche sulla pedofilia

L'esorcismo

Nel confessionale è stato quindi dato inizio all'esorcismo con il "Rituale romanum de exorcismis", di Papa Paolo V, uno dei testi indicati nel manuale redatto dall'Aie, l'Associazione internazionale esorcisti.

"Nel nome di Gesù Cristo ordino e comando Satana di lasciare questa persona", questa la formula ufficiale che avrebbe più volte ripetuto l'esorcista. Intanto, sconcerto e paura si erano già diffusi tra i fedeli fuori dalla chiesa e qualcuno ha anche deciso di avvisare la polizia.

Esorcisti da tutto il mondo: raduno a Roma

I precedenti

Intorno alle 20.30 la giovane è svenuta. Segnale interpretato come la liberazione definitiva dal diavolo. La ragazza è stata quindi presa in braccio dal fratello e accompagnata all'auto dei genitori per tornare a casa.

Ad un'altra testata, un sacerdote del Santuario ha raccontato che non si è trattato della prima volta. Ogni anno, stando alle sue parole, sono oltre cento le persone che arrivano alla basilica e per le quali è richiesto l'intervento di un esorcista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA