Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Escursioni, dalla scelta dei percorsi alle attrezzature: cinque consigli per una gita in sicurezza. «I sentieri cambiano sempre»

Le indicazioni di Erminio Sertorelli, guida alpina del Gruppo Ortler-Cevedale

Escursioni, dalla scelta dei percorsi alle attrezzature: cinque consigli per una gita in sicurezza. «I sentieri cambiano sempre»
di Claudia Guasco
5 Minuti di Lettura
Lunedì 4 Luglio 2022, 23:12 - Ultimo aggiornamento: 5 Luglio, 09:46

Primo consiglio: «Rispettiamo il silenzio e il dolore. Quando ci troviamo di fronte a sciagure come i morti sulla Marmolada è buona cosa parlarne quando l’emotività è calata. Ora il coinvolgimento è altissimo, pensare di affrontare i problemi in questo momento non porta a soluzioni». Passo costante e occhi puntati alla meta, Erminio Sertorelli ama e rispetta le montagne con cui si misura da 45 anni. Originario di Bormio, guida alpina del Gruppo Ortler-Cevedale come tutta la sua famiglia, misura le parole con la stessa saggezza con cui affronta le ascese. «Sappiamo che l’alpinismo presenta pericoli come tutte attività outdoor, il crollo di seraccate avviene per il caldo e per il freddo, le cause sono molteplici. La storia è piena di valanghe, eventi al 90% ignorati perché non è successo nulla. Se il distacco sulla Marmolada fosse avvenuto oggi, non piangeremmo così tanti morti. Non dobbiamo mai dimenticare che il rischio è inscindibile dalla montagna».

Ghiacciaio in Val Ferret evacuato, allarme crolli: previsto temporale in serata

STUDIARE E ACCETTARE IL LIVELLO DI PERICOLO

La prima indicazione di Sertorelli è quella che lui definisce «una presa d’atto: chi si avvicina all’alpinismo deve essere conscio di avere un’accettazione del rischio alta, indipendentemente dalla difficoltà della salita. Il fatto che sia facile o difficile non cambia nulla. Un sasso in testa può colpire l’escursionista della domenica lungo un sentiero così come un rocciatore su una parete di ottavo grado. Il sasso non fa distinzioni, quindi non dobbiamo mai confondere la difficoltà tecnica con un pericolo oggettivo. Questo ci rende maggiormente consapevoli e più attenti a prevenire le insidie».

 

COME SCEGLIERE I PERCORSI

Mai sopravvalutarsi e non confidare troppo nelle proprie capacità. Capire quando si è stanchi, se le condizioni meteo possono dare problemi, non impuntarsi nel voler raggiungere la cima a tutti i costi. «Chi va in montagna deve fare innanzitutto i conti con se stesso e con le responsabilità che ha nei confronti della propria famiglia - spiega Sertorelli - Chi non conosce questa passione vede gente che cammina in posti pericolosi e pensa: “Questi sono dei matti”. In realtà chi pratica con costanza alpinismo e trekking conosce bene i propri limiti. Fondamentale, oltre naturalmente alla scelta del percorso in base alle proprie capacità, è l’adattamento alle mutate situazioni con cui abbiamo a che fare. Come ci ha insegnato Darwin non è il più forte o il più intelligente che sopravvive, ma chi si adatta meglio. Soprattutto in montagna e ormai da quarant’anni è così: gli eventi naturali e i mutamenti climatici hanno come conseguenza vie di salita modificate, percorsi dai quali non si riesce più a passare o deviazioni su sentieri migliori. I cambi di itinerario anche su una semplice salita sono continui. Perciò massima elasticità mentale. Quando si parte la mattina, non bisogna porsi come obiettivo la stessa meta dell’anno precedente con lo stesso tragitto. La montagna cambia e noi dobbiamo adattarci».

«Marmolada, noi salvi per miracolo perché abbiamo anticipato la salita»: il racconto di una guida alpina

L’IMPORTANZA DELL’ATTREZZATURA

Ad alte quote non c’è spazio per l’improvvisazione. Quindi bisogna avere sempre con sé capi caldi e impermeabili per le emergenze. Ma attenzione agli eccessi, afferma Sertorelli. «Certo servono degli scarponcini adeguati, ma settant’anni fa gli alpinisti andavano e tornavano dagli 8.000 con una corda legata in vita. La sicurezza è dentro di noi, non nello zaino e le dotazioni sempre più sofisticate sono un po’ un falso mito della nostra società che risolve i problemi spingendo ad acquistare l’ultimo modello di moschettone o di imbragatura. Questa però non è la risposta giusta in termini di sicurezza, anzi a volte le dotazioni all’avanguardia alzano il livello di rischio perché ci fanno sentire protetti. Se è una giornata di nebbia, anziché restare i baita a mangiare la polenta esco lo stesso perché ho il gps. Poi magari si scaricano le batterie e sono fregato. Nei fuori pista, per esempio l’uso del dispositivo antivalanghe Artva ha elevato livello di rischio. In sostanza: bisogna sempre avere il dispositivo con sé ma è meglio dimenticarlo, perché spinge a fare un passo in più che uno in meno».

SEMPRE CON LE GUIDE ALPINE

Sul tema Sertorelli è pratico: «La guida ha capacità sul territorio superiori agli altri. Per affrontare la montagna bisogna avere passione e competenza, la seconda la posso comprare scegliendo la consulenza di una guida alpina».

CONSULTARE IL METEO

«Sempre prima di ogni uscita. Adesso qualsiasi sito fornisce previsioni affidabili».

© RIPRODUZIONE RISERVATA